• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpi e pareti, Top News

Alpinismo in velocità, Schäli e Hefti scalano la "Jungfrau Marathon" in 16 ore

Roger Schäli in cima al Jungfrau (Photo courtesy of Roger Schäli - www.rogerschaeli.ch )
Roger Schäli in cima al Jungfrau (Photo courtesy of Roger Schäli – www.rogerschaeli.ch)

LAUTERBRUNNEN, Svizzera — Da Lauterbrunnen alla cima alla Jungfrau lungo la grande cresta che sale dal versante Sud Est, e dopo 3300 metri di salita in sole 16 ore. Ci sono riusciti Roger Schäli e David Hefti, che con la loro impresa continuano la serie di prestazioni alpinistiche ultra veloci sulle Alpi, questa volta nell’Oberland Bernese. La “Jungfrau Marathon”, come viene chiamato il percorso affrontato dai due alpinisti, richiederebbe solitamente due giorni.

Un’estate intensa quella di Schäli, che dopo aver compiuto la prima libera della Ghilini-Piola Direttissima, sulla Nord dell’Eiger insieme a Robert Jasper, nei giorni successivi ha rivolto la sua attenzione verso la vicina Jungfrau, altro celebre 4000 della zona (alto 4158 metri). Il percorso scelto, secondo quanto riferisce lo stesso Schäli sul suo blog, è il “Jungfrau Marathon”, che unisce le vie ” Stägers Bürtblätz” – 350 metri, 12 lunghezze di difficoltà massima 7a+, e Fätze & Bitze – 300 metri, 11 tiri di grado 7a.

Schäli e Hefti sono partiti da Trümmelbach (835 metri) vicino Lauterbrunnen, alle 3.30 del mattino. Alla luce della luna hanno attaccato la parte bassa del ripido pilastro Stelliflue; hanno salito il Rottbrett lungo lo spigolo Nord Ovest, un triangolo di roccia di 500 metri. Hanno raggiunto la vetta del Silberhorn (3.695 metri), poi hanno proseguito su terreno di ghiaccio fino alla Wengen Jungfrau (alta 4089 metri). Infine hanno toccato la cima principale della Jungfrau, alle 19.30, dopo 16 ore dalla partenza, 3320 metri di dislivello e 23 tiri impegnativi.

Jungfrau Marathon (Photo www.rogerschaeli.ch)
Jungfrau Marathon (Photo www.rogerschaeli.ch)

Gli alpinisti di solito impiegherebbero 2 giorni per arrivare in vetta, con un bivacco alla Silberhorn Hut, sotto il Rotbrett. Secondo quanto si legge sulla pagina Facebook di Schäli, sarebbe questa infatti la prima volta che qualcuno riesce a completare la “Jungfrau Marathon” in sole 16 ore, quindi meno di due giorni.

 

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.