Cronaca

Notte all'addiaccio sulle Pale di San Martino per 4 rocciatori

Pale di San Martino (Photo Stefano Merler e Monica Dallabona courtesy of Wikimedia Commons)
Pale di San Martino (Photo Stefano Merler e Monica Dallabona courtesy of Wikimedia Commons)

FIERA DI PRIMIERO, Trento — Quattro rocciatori bresciani hanno passato la notte a 2700 metri di quota sulle Pale di San Martino: mentre scendevano dallo spigolo Del Vecchio una scarica di sassi li avrebbe colpiti, ferendo lievemente uno di loro e danneggiando le corde. Il recupero è avvenuto al mattino da parte del Soccorso Alpino.

Secondo quanto riportano i giornali locali, sabato i quattro rocciatori bresciani hanno affrontato una via sullo spigolo nord-est del Campanile Pradidali, cima di 2791 metri delle Pale di San Martino, nota come Spigolo Del Vecchio. Nel pomeriggio sono stati investiti da una scarica di sassi mentre si trovavano a 2700 metri di quota e stavano scendendo.

Uno dei rocciatori sarebbe stato colpito, riportando alcune contusioni, ma la preoccupazione maggiore è stata per le corde che sarebbero state parzialmente lesionate dai sassi. I rocciatori avrebbero tentato di risolvere il problema, ma nel frattempo è arrivato il buio che ha messo in allarme il gestore del rifugio Pradidali (2278 m), dove soggiornavano.

Il Soccorso Alpino di Primiero è riuscito a contattare telefonicamente il gruppo solo a tarda sera. Accertatisi che i quattro erano in buona salute e potevano sostare in parete per la notte, i soccorritori hanno concordato di recuperarli all’alba. Poco dopo le 5 del mattino gli uomini e l’elicottero hanno tratto in salvo i rocciatori e li hanno portati a valle.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close