Turismo

Vacanze, italiani scelgono la montagna

immagine

MILANO — Gli italiani preferiscono la montagna. Da vivere comme paradiso di sport, relax, cultura e delizia per il palato. Sempre di più, infatti, hanno una seconda casa sui monti, per godere delle bellezze naturalistiche delle nostre Alpi e degli Appennini.

I dati arrivano dalla Bit, fiera nazionale del turismo, dove ogni anno l’Isnart (Istituto Nazionale Ricerche Turistiche) presenta le proprie statistiche sui vari settori.
 
Secondo le stime del 2006, la montagna, che rappresenta il 35,2 per cento del territorio italiano, ha un giro d’affari di circa 7 miliardi di euro, spesi per la maggior parte in attività ricreative, abbigliamento e consumi agroalimentari.
 
Le attività preferite di chi va in montagna sono ovviamente lo sci (24,2 per cento) e il trekking (9,8 per cento), seguiti a ruota dalle visite culturali (9,4 per cento), e dal semplice riposo (7,2 per cento). Ma sempre  più gente ama le degustazioni enogastronomiche (7 per cento).
 
In generale, gli italiani sono molto soddisfatti delle loro vacanze in alta quota, infatti i loro voto rispetto all’accoglienza ricevuta e all’ambiente trovato sono di gran lunga superiori alla media nazionale delle altre destinazioni. Tuttavia si lamentano un po’ per i prezzi, a loro dire un po’ cari soprattutto in alcune località.
 
Forse è per questo motivo che il trend delle camere risulta in diminuzione e inferiore alla media. A quanto pare gli italiani preferiscono andare in montagna dove hanno già una seconda casa, oppure dove sono ospiti in casa di parenti o amici.
 
Sono state osservate interessanti movimenti di turismo interno tra Lombardia, Veneto e Piemonte. Ma anche gli stranieri sembrano apprezzare particolarmente l’Italia per le sue nostre montagne, in particolare svizzeri, austriaci e tedeschi.
 
La destinazione viene scelta perlopiù in base ad esperienze precedenti o a consigli di amici e parenti. Sono ancora pochi, solo il 5 per cento, ma in crescita, quelli che lo fanno tramite il web.
 
 
Per approfondire: www.isnart.it.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Close
Back to top button
Close