Outdoor

Olimpiadi: aspettando Giorgio Rocca

immagine

TORINO — Dopo la vittoria (ampiamente prevista) di Armin Zoeggeler e la delusione (del tutto imprevista) di Ghedina, gli occhi dell’Italia sono tutti puntati su Giorgio Rocca che andrà a caccia dell’oro nello slalom di martedì 25.  

E’ stato un inizio di Olimpiadi abbastanza positivo per gli azzurri. Fra le medaglie finora conquistate  brilla l’oro nello slittino di Armin Zoeggeler.  Per l’azzurro si tratta del secondo oro consecutivo dopo Salt Lake City 2002. L’argento è andato al russo Albert Demtschenko, il bronzo al lituano Martins Rubenis.
 
Nelle altre discipline, bello il bronzo di Pietro Piller Cottrer nella combinata maschile di sci di fondo, ieri a Pragelato. La vittoria è andata al russo Eugeni Dementiev che ha preceduto il norvegese Frode Estil. Quarto posto per Giorgio Di Centa.
 
La delusione invece è arrivata dalla discesa libera. Dove Kristian Ghedina, attesissimo, non è andato oltre il 23esimo posto. "Speravo di essere un poco piu’ competitivo” ha commentato il veterano azzurro alla sua ultima Olpimpiade. ”Ho avuto difficoltà a tracciarmi un percorso perche’ la neve era molto morbida – ha detto ai microfoni della Rai-. Ho cercato di attaccare, ma non sempre le gambe rispondevano. Però, nonostante sperassi in qualcosa in più, sono soddisfatto. Poteva andare peggio, ad esempio rompermi una gamba. E’ andata bene cosi”’.
 
La vittoria invece è andata al francese Antoine Demoriaz, partito con il pettorale numero 30. Il transalpino ha preceduto l’austriaco Michael Walchhofer e lo svizzero Bruno Kernen.
 
Migliore degli azzurri Patrick Staudacher, nono, quindi Kurt Sulzenbacher (diciottesimo) e Peter Fill (diciannovesimo) e Kristian Ghedina.
 
Ora tutte le speranze dello sci azzurro sono risposte in Giorgio Rocca. Il valtellinese si sta allenando con una cura e una precisione maniacale. E parte fra i favoriti al cancelletto. Martedì 25 lo slalom speciale. Intanto Giorgio si cimenterà domani nella combinata. Forza Giorgio, tutta l’Italia è con te.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close