AlpinismoAlta quota

Team nepalese in vetta al Baruntse per rilanciare il turismo post lockdown

Mentre la Guardia Reale del Bahrain metteva a segno la prima e unica ascesa di un Ottomila in questo complicato autunno post lockdown, toccando gli 8156 metri del Manaslu, un team totalmente nepalese raggiungeva il 15 ottobre scorso la vetta del Baruntse (7129 m). Un Settemila del Khumbu piuttosto impegnativo, il cui versante meridionale è noto per la presenza di ostili sezioni ghiacciate e forte pendenza.

La spedizione è stata guidata da Dawa Steven Sherpa. Esperto himalaista, che nella sua carriera alpinistica ha già collezionato vari Ottomila. Dhaulagiri, Manaslu, Kangchenjunga, Cho Oyu e per tre volte il Tetto del Mondo. In squadra altri 6 membri: Naga Dorje Sherpa, Samden Bhote, Lhakpa Nuru Sherpa, Pemba Tshering Sherpa, Tsering Thundu Sherpa e il fotografo Samir Jung Thapa.

Il team ha lasciato il campo 2 nel primo mattino del 15 ottobre, raggiungendo la vetta poco dopo mezzogiorno.

Una spedizione, come si evince dal nome stesso – “Nepal Tourism Recovery Expedition 2020″ – nata con uno scopo ben preciso: dimostrare al mondo che le montagne nepalesi siano un luogo sicuro. Un tentativo di riattivare l’afflusso turistico nel Paese, profondamente colpito a livello economico dal lockdown. Nel corso dei mesi di chiusura dei confini e delle montagne, la comunità Sherpa e gli abitanti delle montagne hanno visto ridursi praticamente a zero il loro reddito.

“La nostra non è una spedizione commerciale – aveva sottolineato il capospedizione prima della partenza, in una intervista rilasciata al Nepali Times – . Ciascuno di noi sta pagando di tasca propria. Speriamo soltanto di dimostrare che nonostante il Covid-19 le montagne del Nepal siano sicure e speriamo di veder tornare presto i nostri visitatori“. 

Tags

Articoli correlati

Un commento

  1. finchè mi chiedono 10.000 euro tra permessi (????) e guide obbligatorie e ufficiali di collegamento (????) per salire il baruntse, direi che se lo possono tenere e andrò come al solito in altri paesi asiatici più aperti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close