Cronaca

Lo colpisce un sasso, chiede 400.000 euro al Comune

Valbondione è l’ultimo paese nel cuore delle Orobie, in cima alla Valle Seriana, diventata tragicamente famosa per il covid-19 e la mancata decisione di farne una “zona zossa” (cosa avrebbe consentito a molte persone di continuare a vivere).

Nei giorni scorsi si è saputo che a febbraio Romina Riccardi, sindaco di Valbondione, si è vista recapitare una citazione per danni in cui venivano richiesti 400.000 euro da parte di una persona che un paio d’anni fa è stata colpita e gravemente ferita da un sasso transitando su un sentiero. Mi dispiace per quello che è successo a questa persona, ma l’atto di citazione è stato per noi una sorpresa. Sono nata e cresciuta in montagna: mi è sempre stato insegnato che la montagna è bella, ma anche pericolosa. Una richiesta di danno come questa impone una riflessione” dice alla stampa la Riccardi.

Una riflessione

Premettiamo che non si conoscono i fatti specifici. Pare ad ogni modo strano che una persona, che pure ha subito danni fisici per la caduta di un sasso dall’alto, abbia pensato di affibbiare la responsabilità non alla gravità terrestre, ma al Comune che lo ospitava. La responsabilità, per tale uomo, non è nemmeno propria sebbene avesse scelto con scienza e coscienza (si suppone) di essere in quel posto mentre il sasso, attratto dalla suddetta gravità, decideva di precipitare e di colpirlo. La sfiga a volte ci mette lo zampino. Ma forse il signore se l’è presa con il mancato avviso di pericolo di caduta massi, che sui sentieri alpini, essendo nella loro maggior parte esposti a questa eventualità, è lasciato per tradizione e convenzione consolidata nei secoli alla conoscenza e all’attenzione individuale di chi vi transita (e per qualche forma di scaramanzia anche a un pizzico di fortuna). Pare ancor più singolare che un avvocato (l’Italia è strapiena di difensori legali, molti bravi e coscienziosi, altri affamati dalla spietata concorrenza e pronti ad azzannare chiunque e qualunque cosa per una parcella) ascoltata la storia del suo cliente non abbia pensato di fare magari una telefonata non dico al Presidente Nazionale del CAI che essendo avvocato di gran fama ed esperto di responsabilità in montagna, ma anche a una Guida Alpina, che al pari degli avvocati è un professionista con tanto di albo, o a un istruttore nazionale del CAI o a una persona che vive, abita e lavora in montagna e che abbia il dono del buon senso.

No. Per placare il dolore e la rabbia del danno, l’uomo e il suo avvocato hanno scelto l’azzardo della giustizia. E può sempre essere in questo Paese pieno di bravi magistrati ma anche di altri soverchiati dalle carte e dagli intrighi politici, che ti capiti quello che non avendo una specifica conoscenza delle leggi, in questo caso naturali della fisica e della montagna, gli dia ragione e condanni il Comune di Valbondione a pagare i 400mila euro.

La sindaca preoccupata per le casse della sua piccola comunità aggiunge: “Noi amministratori fatichiamo già a mettere in sicurezza il territorio nei centri abitati e trovare i fondi necessari, non è pensabile avere ora anche la preoccupazione della montagna. Non è possibile pensare che i Comuni adesso abbiano anche l’obbligo di mettere in sicurezze le montagne. È impossibile mettere in sicurezza le montagne”.

Ci si augura sinceramente che un giudice di buon senso tranquillizzi la comunità di Valbondione, ma se non dovesse accadere per una svista della giustizia, cosa potrebbe fare la signora Romina Riccardi? Probabilmente trangugiare l’amaro veleno e ricorrere in appello e poi in Cassazione. Intanto gli avvocati staccherebbero parcelle.

Potrebbe anche pensare per il futuro di stipulare un’assicurazione che la tutelasse, potrebbe decidere che sui sentieri delle “sue” montagne ci salgano solo persone equipaggiate e competenti, come ha già fatto il sindaco di Saint Gervais Le Bains per il Monte Bianco, munite di un’adeguata autocertificazione con assunzione di responsabilità. Chi di questi tempi non ne ha compilate almeno una decina? Ad ogni prima goccia di pioggia o fiocco di neve potrebbe anche chiudere i sentieri. E perché no, a voler esagerare potrebbe anche far suonare la sirena della diga del Barbellino, che dai quasi 2000 metri di quota sovrasta Valbondione, così che tutti la udirebbero nella valle invitando tutti alla repentina discesa a valle, o quantomeno a posizionarsi in luoghi idonei e sicuri identificati e segnalati. Se vogliamo farla più tecnologica, potrebbe creare una App, da installare obbligatoriamente, che le consentirebbe di sapere dove sono tutti i suoi ospiti montani e di informarli.

Provocazioni le mie, ma l’amaro di questa storia e delle riflessioni che ne derivano è che comunque vada il tempo delle montagne naturali, libere ed essenziali finirà presto. Finirà come i malinconici ghiacciai delle nostre Alpi, come il silenzio, il buio e i cieli azzurri senza le strisce bianche delle scie degli aerei che li deturpano; cieli lindi che abbiamo rivisto dopo anni in questo disgraziato tempo del Covid. Mai più così! Ma qualcosa dovremo pur fare per essere anche noi umani ancora liberi, essenziali, naturali. Forse solo usare il buon senso

Tags

Articoli correlati

11 Commenti

  1. Soluzione semplice:ordinanza che chiude tutti i sentieri e ferrate e pareti nel territorio comunale,chi tragredisce faccia pure a suo rischio e pericolo.Stesse procedure per Club alpino sezioni locali.Vuoi vedere che i legali rappresentanti si devono mangiare la casa se ce l’hanno..o ingrassare avvocati?
    Gia’il sito Sat colora di azzurro la mappa online dei i sentieri non ancora ristabiliti dopo Vaia

  2. Oltre alla soccombenza per il tizio, condanna al risarcimento dei danni al Comune per lite temeraria ex art. 96 c.p.c. Vedrai che prossima volta, ci pensa due volte.

  3. Più passa il tempo e più mi rendo conto che le persone dotate di buon senso, siano sempre più rare, come invece ci sia abbondanza di avidi professionisti di avvocatura, pronti a proporre all’idiota di turno, querela per ogni sciocchezza gli capiti. Questo spesso può portare le persone per bene a doversi difendere, spendendo del proprio, È più che ovvio che gli unici ad averne dei vantaggi saranno í legali delle parti. Nel caso qui riportato siamo al limite della presa in giro,anche se conoscendo le leggi di questo paese, tutto è possibile.

  4. Se esistesse una persona o associazione in grado di prevedere parecchio se non tutto, financo la caduta di un sasso da montagna, luogo data e ora..minuto..secondo…decimo…millesimo magari originata dal passaggio di una marmotta x metri sopra ,mai piu’si limiterebbe a fare il Sindaco o Amministratore, ma si dedicherebbe ad applicazioni delle sue facolta’ di preveggenza molto piu’fruttuose.

  5. Queste persone danneggiano tutti gli amanti della montagna. Due tre cause così e ci ritroveremo ad andare per i sentieri di fondovalle con l’obbligo del casco, protezioni, applicazioni, autocertificazioni. Qui siamo nel ridicolo

  6. L’incidente è accaduto fuori dalle aree antropizzate. Il sindaco non ha responsabilità poiché in quelle aree non vivono stabilmente persone, non vi insistono opere stradali o altre opere di urbanizzazione. In questo caso si applica la giurisprudenza come nel caso di un incidente avvenuto a causa di una valanga che si è staccata per causa naturale. Entrambi i casi, infatti, sono generati dal manifestarsi di un pericolo oggettivo naturale che non è prevedibile puntualmente ma del quale l’utente deve tenere conto per la propria incolumità. Ricordate: aree non antropizzate = aree non controllate. Ad esclusione dei fenomeni che potrebbero arrivare a coinvolgere persone, strade e opere umane dedicate alla vita civile.

  7. a tutto c’e’ un limite, come si fa a dare la colpa all’amministrazione comunale per la caduta di un sasso in montagna? Siamo al ridicolo

  8. Passo Costalunga , val d’Ega…crollano enormi massi….sulla strada..ed e’solo un esempio dei tanti..
    Strada per la valle del Primiero…..non ostante numerose gallerie e protezioni, bocciata la proposta di una galleria..quindi certi tratti sono stretti e sottoposti a gragnuole di sassetti.
    A meno che non risputi uno Sblocca cantieri.
    In altre valli ho visto barriere anti sasso con putrelle di acciaio e reti…piegate come burro, stracciate come calze a rete.Figuriamoci se si riesce a garantire anche in aree non antropizzate
    Personalmente conosco due professionisti della montagna ..scampati per miracolo a sasso in testa quando arrampicavan oo accompagnavano in escursione clienti, grazie al caschetto frantumatosi..ma pur sempre periodo di osservazione, chock per trauma cranico,
    Un giovane cade nel fiume Brenta…causa sprofondamento della riva terrosa imbevuta di acqua ed erosa alla base, su cui giocava.I genitori faranno causa o sono responsabili per abbandono di minorenne?

  9. Adesso questo Comune, di colpo, si troverà impegolato in una lunga vertenza nei nostri lenti e farraginosi tribunali italiani, tra spese e perdite di tempo. Sempre che il Signore in questione non abbia contattato un ” principe del foro ” capace di passare, anche parzialmente, dalla parte della ragione. Non mi sentirei , nel nostro paese, di escluderlo completamente. Per il Sindaco, speruma ben.

  10. Prima o poi si arriverà a fare causa a dio…
    Su terreno di avventura, vige la regola della conoscenza dei pericoli oggettivi.
    Eppoi, questo signore portava il casco? O si aspettava che glielo dicesse un cartello? O si aspettava di trovare una montagna pianeggiante? È come andare al mare e non sapere che esiste il rischio di affogamento e fare causa al comune in caso di incidente.
    E comunque, secondo questa logica, per ogni indicente in montagna bisognerebbe fare causa al sindaco?
    Arriveremo ad avere ordinanze di divieto di accesso dappertutto se le sentenze cominceranno a dare torto agli amministratori.

  11. Quanto scommettiamo che il tipo è uno dei tanti merenderos con zaino della scuola e scarpe da passeggio che facilmente, negli ultimi anni, sin incontrano in montagna? Spesso per nulla attrezzati anche dal punto di vista del vestiario essenziale e pronti a chiamare il soccorso appena scendono due gocce di pioggia… Quanto scommettiamo?!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close