AlpinismoAlta quota

Bandiera sull’Ama Dablam, il Nepal apre un’inchiesta

Il 13 novembre è comparsa sulla vetta dell’Ama Dablam, il Cervino dell’Himalaya, un’enorme bandiera del Kuwait di 150 kg per 100m x 30m.

A realizzare l’impresa, se così possiamo chiamarla, un gruppo di kuwaitiani guidati in vetta da Nirmal Purja. Uno speciale ringraziamento a Nirmal e al suo incredibile team – scrive Yousef Alshatti-. Voglio solo dire che nulla è impossibile. Molte persone mi avevano detto che non sarei riuscito e che non era possibile farcela perché fino ad ora non avevo mai visto una vetta e non avevo mai scalato in vita mia una montagna. L’ho fatto per il mio paese e la mia gente, perché credo in me stesso e ho dato tutto per ottenere ciò. Non aspettare che qualcuno ti sostenga, lavora sodo e credi in te stesso, in questo modo si è inarrestabili”.

Parole che sembrano uscite da un qualsiasi discorso sul self-empowerment di Nirmal Purja, che allo sfinimento ci ha ripetuto in questi mesi che Tutto nella vita è possibile se si ha un approccio determinato e una mentalità positiva.

Bei concetti e ci fa piacere che continui a portarli avanti anche dopo aver finito il suo Project Possibile. Ad essere onesti, avremmo però preferito che fossero stati di ispirazione a una sfida alpinistica di ben altro genere e non un’aberrazione come quella avvenuta sull’Ama Dablam. Una nuova occasione persa per Nirmal, peccato.

L’operazione non ha però sollevato l’indignazione solo della comunità alpinistica, che ha interpretato il gesto come un atto deturpante per la montagna, ma anche del Governo del Nepal, che ha deciso di intraprendere un’indagine a riguardo. Mira Acharya, sottosegretario del Dipartimento del Turismo ha dichiarato al Nepali Times: “Stiamo indagando sulla questione. Non avevano il permesso di portare una bandiera così grande. Se hanno infranto le regole come sembra, prenderemo provvedimenti”.

Tags

Articoli correlati

6 Commenti

  1. ragazzi ma che esagerazione!

    l’Ama Dablam è letteralmente preso d’assalto da un numero indecente di spedizioni commerciali, con corde fisse che abbondano ovunque dalla base alla cima… centinaia di “alpinisti” (o turisti, punti di vista) calpestano la cima tutti gli anni. Ed è considerato accettabile, su una montagna sacra.

    Ora lo stato nepalese (e la comunità alpinistica) si indegna per una bandiera che sarà rimasta su presumibilmente per al massimo qualche ora o un giorno? Seriamente, è questa piccolezza a sminuire la sacralità di quella montagna?

    1. Concordo pienamente, come si può definire “aberrante” il portare in vetta una bandiera, per quanto enorme? Più che altro non è chiaro se l’abbiano poi riportata giù.
      E il Nepal è sempre pronto ad aprire procedimenti quando si tratta di incassare più soldi…

  2. Di sicuro questo ex militare sa come tenere l’attenzione su di se, questo porta clienti e soldi. Su queste povere montagne oramai tutto è legittimo, tra spedizioni commerciali, corde fisse, ossigeno, portatori che sono guide per portare in vetta alpinisti mediocri. Personalmente andrebbe messo un freno questo non è più Alpinismo ma commercio di persone e vette. Tutto ciò è molto avvilente.

  3. L Ama Dablan è l Ama Dablan..non il Cervino del Nepal….
    Se qualcuno dicesse che il Cervino è l Ama Dablan dei poveri????
    Ogni montagna ha il suo perchè e la sua personalità senza accomunarla ad altre…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close