• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alta quota, Primo Piano

K2: valanghe e neve alta, oltre il Collo di Bottiglia non si passa. Tutti fermi e prime rinunce

alpinismo, k2, 8000Capo 4, K2 (foto @ Furtenbach Adventures FB)

Tutti ad annunciare che la prolungata finestra di bel tempo avrebbe portato a un eccezionale numero di salite in vetta, mai così tante nella storia della montagna, ma così non è stato: il K2, come spesso ha già fatto, si è ribellato.

Le squadre di sherpa della Seven Summit Treks sullo Sperone e di Mingma G. Sherpa sulla Cesen, dopo aver posticipato le operazioni di fissaggio delle corde di un giorno a causa di una valanga che ha travolto cinque persone, hanno rinunciato anche questa notte: oltre il Collo di Bottiglia non si passa. Troppa neve, circa un metro e mezzo, troppo alto il pericolo di nuovi distacchi. “Pare che questa stagione il K2 non sia ancora pronto” scrive Dawa Sherpa, aggiungendo che ora tutti sono a campo 4 e che nelle prossime ore si deciderà se rinunciare definitivamente.

Tutti gli alpinisti della Furtenbach Adventures che ieri avevano raggiunto il Collo di Bottiglia, punto oltre il quale si è deciso collettivamente di non procedere a causa delle continue valanghe, sono in discesa. Max Berger si è trovato costretto a rimodulare il proposito di lanciarsi in parapendio dalla vetta, optando per la Spalla. “Dopo una intera giornata di attesa a C4, gli sherpa di un’altra squadra hanno ritentato di fissare le corde insieme anche a Max e uno dei nostri sherpa ma ci sono state altre due valanghe. Uno Sherpa e un membro di un altro team sono rimasti feriti (un braccio e un ginocchio rotti)” scrive l’agenzia.

Anche Mike Horn e Fred Roux hanno annunciato di rinunciare alla vetta per quest’anno. Nella giornata del 17 la decisione di tornare indietro: “Abbiamo proseguito la nostra ascesa fino a 8.200m. All’1 circa del mattino, quando forti venti, slavine e  la mancanza di ossigeno iniziavano a darci problemi, abbiamo deciso di fare una inversione a U e tornare giù dalla montagna in siurezza. Siamo rientrati al campo base con qualche congelamento ai piedi e alla faccia”.

Il team di Carla Perez, Adrian Ballinger e Esteban Mena è intanto impegnato nella seconda rotazione per completare l’acclimatazione. Il tentativo di vetta è programmato per fine mese.

La stagione del grande affollamento del K2 rischia di diventare una stagione senza salite. 

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.