• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alta quota, Primo Piano

K2, si tenta la vetta. Mai visti numeri così alti. Valanga sul Collo di bottiglia, feriti 5 sherpa

Dovrebbero iniziare oggi ad arrivare in vetta i primi alpinisti impegnati sul K2. Le vie sono attrezzate fino a campo 4, posizionato a circa 7750 metri per chi sale lungo lo Sperone degli Abruzzi e poco sopra, sulla Spalla a circa 8000 metri, per chi procede dalla Cesen. Il resto delle corde sarebbe dovuto essere posizionato dalla Seven Summit Treks che però ha cambiato programma a causa di una piccola valanga che ha travolto 5 suoi sherpa al Collo di Bottiglia (8200m). Trascinati per una cinquantina di metri e rimasti leggermente feriti, i cinque sono scesi a campo 4. Si è tornati a lavorare sulla via già da oggi, ma è molto probabile che molti tentativi di vetta saranno spostati a domani, di certo quelli dell’agenzia nepalese.

A tentare di arrivare sul K2 sono in 125, tra alpinisti e sherpa, a cui si aggiunge un numero imprecisato di portatori d’alta quota pakistani, che non hanno necessità di permesso.

La buona notizia è che la finestra di eccezionale bel tempo è abbastanza ampia per permettere di scaglionare il più possibile i tentativi di vetta. Secondo i calcoli di Alan Arnette oggi saranno tra le 50 e le 75 persone a provare ad arrivare in cima (a meno di cambi ulteriori cambi di strategia); 30/50 giovedì e circa il 10/20 venerdì. Numeri che se paragonati a quelli a cui siamo abituati sull’Everest sono ridicoli, ma sul K2 non si sono mai viste più di 30 persone in vetta in un solo giorno.

Il rischio affollamento potrebbe pertanto essere una realtà nella parte alta, dopo la Spalla, dove le due vie si uniscono e il percorso diventa più stretto e soprattutto pericoloso al Collo di Bottiglia e lungo il traverso dopo il grande seracco incombe.

Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.