• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Bike, Primo Piano

Giro d’Italia. Dal Passo Gavia ancora innevato si scende con gli sci!

giro d'italia, robert antonioli, stefano confortola, sci alpinismo, passo gaviaSgombero della neve sul Passo Gavia – FotoFB @Passo Gavia

Il Giro d’Italia è finalmente arrivato sulle Alpi, con la dodicesima tappa Cuneo-Pinerolo, che ha visto i corridori impegnati nella scalata del Montoso.

Tra pochi giorni, martedì 28 maggio, i ciclisti dovranno affrontare quella che è considerata la tappa più dura, la sedicesima, da Lovere a Ponte di Legno.  226 chilometri e 5500 metri di dislivello, passando per quel Passo Gavia (2.618 m) che tanto in questi giorni sta facendo parlare di sè, a causa della neve caduta copiosa nelle ultime settimane che ha reso complicate le azioni di sgombero stradale.

Le province di Sondrio e Brescia hanno svolto un lavoro imponente per assicurare la transitabilità, ripulendo negli scorsi giorni l’accesso al Mortirolo e sistemando il manto stradale sia in salita che in discesa per garantire ai corridori le migliori condizioni.

Il passo però, in questi giorni, è risultato ancora completamente innevato. Lo mostrano bene le immagini del trionfatore della Coppa del Mondo di sci alpinismo Robert Antonioli, che ha pubblicato sulla sua pagina Facebook il video di una discesa sugli sci effettuata insieme a un altro campione dello sci alpinismo, Stefano Confortola, in direzione di Santa Caterina Valfurva, proprio sul tratto del passo tra la Val di Gavia e la Val Camonica, che verrà affrontato dai ciclisti martedì.

Gli organizzatori del Giro garantiscono però che il percorso sarà sgomberato in tempo.

Robert Antonioli intanto dà un consiglio ai ciclisti: “Occhio alle marmotte!“.

 

Articolo precedenteArticolo successivo

2 Comments

  1. Si arriva con le bici da corsa fin dove la strada e’ sgombra.Si lasciano le bici da gara e si inforcano fat bikes predispose su rastrelliere sotto una tensostruttura come nel triathlon piu’ abbigliamento asciutto, scavalcata con queste la zona innevata si fanno trovare altre bici da corsa e si prosegue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.