• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Primo Piano

Prato Nevoso. Un backflip in carrozzina da Guinness dei primati per Ilaria Naef

Mercoledì 6 marzo la stazione sciistica cuneese di Prato Nevoso è stata scenario di una impresa da Guinness dei primati: un salto mortale in carrozzina sulla neve.

A realizzarlo l’atleta 25enne Ilaria Naef, originaria di Varazze (SV), che ha portato a termine il backflip, caratterizzato da un coefficiente di difficoltà estremamente alto, con estrema eleganza, facendolo quasi apparire come una facile prestazione ginnica.

Un intenso lavoro di preparazione che, sommato alla grinta di Ilaria, ha portato alla realizzazione di un sogno.

Importante anche il supporto dei tecnici della stazione sciistica che hanno lavorato 2 giorni all’allestimento della pista, creando una apposita rampa molto alta da cui partire a piena velocità per realizzare la capriola all’indietro con la carrozzina.

La prestazione perfetta di Ilaria, come dichiarato dall’allenatore Vanni Oddera, campione mondiale di Freestyle Motocross, è stata per tutti i presenti una lezione di vita, “per migliorarci e non smettere mai di credere che il mondo può diventare un posto migliore per tutti e non per pochi”. Una dimostrazione del fatto che non esistano limiti alla forza di volontà e che anche le ruote di una carrozzina, come dichiarato dalla stessa portentosa atleta, possono diventare con impegno e devozione, un paio di ali.

 

Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

  1. Da applauso ma non mi sembra che tutti vogliano farlo per sentirsi attivi….Mi sembra piu’ auspicabile fornire a basso costo con ogni tipo di agevolazione carrozzine elettriche cingolate ( vene sono ma sono costose dai 10 a 25mila euro) adatte a tutti i terreni.Magari ogni localita’ di montagna se ne protrebbe gestire un paio da mettere a disposizione in comodato anche ai non ardimentosi…al posto di costose campagne promozionali.Filmetti sul web alla voce” Ziesel carrozzine elettriche cingolate o “Action trackchair”..si vedono incedere su sentieri , manto di neve, spiaggia, prato…mentre in citta’ le ruote strette stentano per molti intoppi architettonici e distese di ghiaia ostacolante e buche nei parchi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.