• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Primo Piano, Sicurezza in montagna

Weekend: attenzione ai temporali

CNSAS, temporali, fulmini© KEYSTONE/Ti-Press /Gabriele Putzu

Finalmente è arrivata l’estate, ma attenzione ai temporali previsti sulle Alpi, soprattutto nel settore occidentale.

Se l’intenzione è organizzare un’escursione in montagna per il weekend, l’importante è adottare alcune regole di prevenzione. Infatti, non si tratta solo di prendere un po’ d’acqua, il pericolo principale sono i fulmini: estremamente pericolosi e totalmente imprevedibili.

Il primo passo, imprescindibile, è quello di controllare le previsioni meteorologiche. Il consiglio è di dare la precedenza ai siti delle ARPA regionali, più precisi e quindi affidabili. La fase di pianificazione di un’escursione non può sorvolare sulle condizioni che si andranno a trovare nella zona prescelta: al momento di decidere la destinazione, la sicurezza deve avere la precedenza.

Nel caso in cui comunque si venga sorpresi da un temporale, è bene tenere presenti alcune norme fondamentali per ridurre il più possibile il fattore di rischio: evitare percorsi troppo esposti, è opportuno e consigliato cercare un rifugio che sia riparato e possibilmente asciutto. Nel caso non ci fossero strutture adatte nelle vicinanze, si consiglia di ripararsi in auto (che attraverso gli pneumatici rimane isolata da terra), o al limite di accovacciarsi su un supporto asciutto, cercando di limitare il contatto con il suolo.

È inoltre fortemente sconsigliato stare nelle vicinanze di corsi e specchi d’acqua che attirano i fulmini, oltre al rischio di ingrossamento ed esondazioni improvvise. Anche i riferimenti verticali e quelli metallici sono da evitare durante i temporali. Alberi e antenne, ma anche i supporti delle vie ferrate e la propria attrezzatura da arrampicata. Tutto ciò che può attirare i fulmini va messo da parte e tenuto a distanza fino al passaggio della turbolenza.

Articolo precedenteArticolo successivo

2 Comments

  1. Una precisazione , l’auto è sicura se chiusa con i finestrini chiusi , in quanto non sono le gomme a proteggere chi vi si trova dentro , ma l effetto dovuto alla “gabbia di Fareday” , se uno si trova ad esempio su una vettura cabrio scoperta , molto probabilmente , se colpita da un fulmine rimarrebbe seriamente ferito o peggio

    1. …articolo utile e intelligente ma…anche la tua osservazione non é da sottovalutare!
      Buona Montagna…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.