Outdoor

Sellaronda dedicata ai soccorritori

immagine

CANAZEI, Trento — La 15esima edizione della Sellaronda Skimarathon sarà in memoria di Diego Perathoner, uno dei 4 soccorritori trentini morti sotto la valanga del 26 dicembre, nonchè ideatore della stessa famosa gara di scialpinismo. La famiglia della vittima e gli organizzatori della manifestazione infatti, hanno deciso di non sospendere la manifestazione che si svolgerà regolarmente agli inizi di marzo.

Se la Sellaronda Skimarathon spegne quest’anno 15 candeline lo deve a un’idea di Diego Perathoner, per questo gli organizzatori della gara e la famiglia del compianto hanno deciso di andare avanti. L’evento quindi si svolgerà regolarmente il 5 marzo, e sarà dedicato alla memoria del soccorritore trentino morto insieme agli altri tre colleghi sotto la valanga del 26 dicembre scorso.

Le iscrizioni saranno aperte per una settimana, dalle 8.30 del 25 gennaio alle 12 dell’1 febbraio. Poi alla presenza di un notaio, senza precedenza alcuna, saranno estratte a sorte le 280 coppie ammesse al via, a differenza del passato quando invece venivano ammessi gli atleti più veloci”ad iscriversi.

Il percorso come sempre parte e si conclude a Canazei, passando per i 4 passi dolomitici che circondano il massiccio del Sella: Pordoi, Sella, Campolongo e Gardena.

Da Canazei le 280 coppie raggiungono il Passo Sella (2.174 metri), poi giù in discesa puntando su Selva Gardena e nuovo scollinamento a Passo Gardena a 2.298 metri, quindi successiva discesa verso Corvara, verso il Campolongo con lo scollinamento a Bec De Roces a 2.080 metri per puntare su Arabba con l’ultima salita del Pordoi (2.239 metri) e arrivo in centro a Canazei, dopo aver affrontato 42 chilometri, ma soprattutto un dislivello di oltre 2.700 metri.

Valentina d’Angella


Tutte le informazioni sul sito www.sellaronda.it

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close