Alpinismo

Chapaz: Berhault, eroe della montagna

immagine

TRENTO — "Patrick Berhault era un personaggio molto, molto carismatico, con grande charme. Adorava la montagna, amava scalare, arrampicare. Amava gli altri e amava anche molto se stesso, naturalmente". E’ Gilles Chapaz che parla, il regista dei due film dedicati al grande alpinista francese scomparso il 28 aprile del 2004.

In vita e in morte di Patrick Berhault. Gilles Chapaz è autore di due film: il primo girato durante la traversata delle Alpi, che l’alpinista fece nel 2000 insieme al grande amico Patrick Edlinger. Il secondo realizzato in sua memoria, dopo quella tragica caduta sul Täschhorn che gli costò la vita nel 2008.
 
"Patrick Berhault era un ragazzo che voleva donare agli altri tutta la grande passione per la montagna che aveva – ci spiega Chapaz -. Credo che sia questa la sua caratteristica più importante. E inoltre era molto forte, sia come alpinista che come arrampicatore. Insomma un ‘Supereroe della montagna’."
 
Abbiamo incontrato Chapaz in occasione del Trento FilmFestival. Era in albergo insieme all’amico Patrick Edlinger e si è aggiunto al nostro tavolo per fare colazione con noi e intanto raccontarci dei progetti conclusi e di quelli futuri.
 
"Il mio prossimo film? E’ qui! – scherza il regista abbracciando Edlinger -. "Quando ho lavorato al film di Berhault – gli fa eco Edlinger che prende la parola e ci spiega meglio -, mi chiedevo se fosse giusto farlo. Mi chiedevo perchè Patrick non fosse più qui. E lì è nata l’idea di fare un film autobiografico su di me con Gilles".
 
 
 
Valentina d’Angella
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close