Alpinismo

Edgar, trovato morto un altro alpinista

immagine

LHASA, Tibet — E’ stato trovato morto anche il secondo alpinista della sfortunata spedizione americana scomparsa nel Sichuan Cinese. Dopo il ritrovamento di Jonathan Copp, i soccorritori hanno recuperato anche il corpo del 24enne Wade Johnson nei resti della valanga caduta sul Mount Edgar.

Copp e Johnson erano in Tibet con Micah Dash per scalare il Mount Edgar, 6.618 metri, conosciuto localmente come "E-Gongga". Erano partiti dagli Usa a fine aprile e dovevano ritornare il 28 maggio, ma non si sono presentati all’areporto il giorno stabilito per il volo. E’ stato allora che è scattato l’allarme.

Non riuscendo a rintracciare nessuno dei tre alpinisti, sono partite delle squadre di soccorso cinesi per setacciare la montagna. Le ricerche sono state intralciate dalla bufera e dalle valanghe, che continuavano a cadere a causa delle copiose nevicate, ma nei giorni scorsi hanno dato i loro frutti.

Domenica scorsa i soccorritori hanno trovato il corpo di Copp, 35 anni, e il giorno dopo anche quello di Wade. Il corpo del giovane fotografo si trovava a circa 300 metri da quello di Copp. Entrambi sono stati trovati tra i resti di una valanga, che probabilmente li ha travolti durante la scalata. Ora manca all’appello il 32enne Dash, ma le speranze di trovarlo vivo sono ormai molto poche.

Sara Sottocornola

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close