Alpinismo

Mondinelli, toccata e fuga a campo 3

immagine

LOBUCHE, Nepal — Nuova puntata in quota di Silvio Mondinelli, che perfeziona l’acclimatamento in velocità. L’alpinista è salito al campo base lunedì, dopo le prove generali sulla stazione di Kala Patthar di sabato. Ieri ha dormito a campo 2, a 6.400 metri, oggi tappa lampo a campo 3, ad oltre 7000 metri, e poi rientro al base.

Sabato era a Kala Patthar, la montagna di 5.545 metri dove sotto la bufera l’alpinista e la squadra scientifica del Comitato EvK2Cnr hanno completato la simulazione dei lavori da compiere a Colle Sud. Poi, dopo un giorno di riposo al Laboratorio Piramide, era tornato al campo base.
 
Ieri mattina Mondinelli è salito a campo 2, 6400 metri, dove ha dormito questa notte. "Faceva un freddo cane – ha detto l’alpinista poco fa dal telefono satellitare – e il tempo non era per niente bello. Stamattina comunque in due ore sono salito a campo 3, a circa 7400 metri di quota, e poi sono sceso direttamente fino al campo base. Domani tornerò in Piramide per un paio di giorni, poi prenderò con me i materiali scientifici per il lavoro da compiere a Colle Sud e, tempo permettendo, saremo pronti per riparare la stazione a ottomila metri".
 
Mondinelli sembra piu in forma che mai. Arriva ai campi con alcune ore di anticipo rispetto a Nima Sherpa, che lo supporterà nelle azioni da compiere a Colle Sud. "Essere qui da solo mi provoca una malinconia – confessa Mondinelli -. Ricordo l’anno scorso, le tende, la spedizione, e i miei compagni Marco e Michelino. Ma poi, quando è il momento di salire, tutto passa e mi sento la forza di tre uomini, e sono al massimo dell’energia".
Intanto sulla montagna si stanno muovendo tutte le oltre trenta spedizioni dirette alle cime di Everest e Lhotse. "Oggi 4 sherpa sono saliti ad attrezzare verso la cima dell’Everest  – racconta Mondinelli -. Ma il grosso degli alpinisti programma di tentare la vetta intorno al 10, quando dovrebbe esserci una buona finestra di bel tempo".

Il primo obiettivo di Mondinelli resta pero’ il difficile lavoro da compiere a Colle Sud. Dopo aver riparato i sensori della stazione, l’alpinista tornera’ al base e il tentativo di cima del Lhotse avverra’ dopo alcuni giorni.

 
Sara Sottocornola
 
———————————————- Pubblicità ———————————————

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close