Cronaca

Dolomiti: salvi i 5 bloccati in parete

immagine

BELLUNO — Si è conclusa questa mattina nel migliore dei modi la disavventura di 5 alpinisti bresciani rimasti bloccati a quota 2.700 metri mentre scalavano i monti Gemelli, sulle Dolomiti bellunesi.

I cinque erano rimasti bloccati a un centinaio di metri sotto la vetta, dopo averla raggiunta attraverso la via Casara-Cavallini. Durante la discesa, forse perchè avevano sbagliato la via, gli sventurati sono finiti in un punto della parete troppo difficile per loro, con passaggi di quinto grado, rimanendo bloccati per tutta la notte.
 
Verso le 20, non vedendoli tornare, alcuni compagni di Bergamo dal rifugio Carpi hanno chiesto l’intervento del Soccorso alpino. A vuoto il primo tentativo dell’eliambulanza del Suem di Pieve di Cadore che non è riuscita ad avvicinarsi alla parete per la presenza di nebbia.
 
Sul posto quindi sono arrivate le squadre del Soccorso alpino di Auronzo. Gli alpinisti sono rimasti in contatto telefonico con loro per tutta la notte. Erano attrezzati per passare la notte all’addiaccio. Per evitare ogni guaio hanno comunque aspettato la mattina seguente e sono scesi da soli lungo la parete già attrezzata con corde doppie dai compagni che li avevano preceduti.
 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close