Cronaca

Grigna: cade e muore dalla Segantini

immagine

LECCO — Tragico incidente, ieri mattina, sulla celebre cresta Segantini in Grigna Meridionale. Un escursionista milanese, che saliva slegato verso la vetta, ha perso un appiglio sopra il canalone Angelina ed è precipitato per ben 70 metri sulle rocce, sotto gli occhi di altri due alpinisti. Immediato l’intervento dei soccorsi, ma per l’uomo non c’era ormai più nulla da fare.

L’escursionista, originario di Pioletto nel milanese, stava percorrendo slegato la cresta Segantini nonostante si tratti di un itinerario parecchio esposto. Improvvisamente, su un passaggio che – secondo quanto riferito dalla stampa – non sarebbe stato nemmeno troppo impegnativo, ha perso l’equilibrio ed è precipitato all’indietro.
 
Impossibile fermare il volo. L’uomo è caduto, sbattendo contro le rocce, per una settantina di metri. Si è arrestato nel canalone Angelina. Due alpinisti, che stavano arrampicando poco lontano sulla cresta, hanno chiamato immediatamente il soccorso alpino con il cellulare. 
 
Purtroppo, quando l’elicottero è arrivato sul posto, per l’uomo non c’era ormai più nulla da fare. I tecnici hanno recuperato la salma con il verricello e poi l’hanno trasferita all’ospedale Manzoni di Lecco, dove attualmente si trova a disposizione dell’autorità giudiziaria.
 
Al vaglio degli investigatori le cause della caduta dell’uomo, ritenuto un esperto escursionista. Al momento, l’ipotesi più plausibile sembra quella di una disattenzione o di una tragica fatalità. Ma non si esclude la possibilità che si sia trattato di un malore.
 
La cresta Segantini sale sul versante ovest della Grignetta (2.177 metri)  ed è uno degli itinerari più classici della zona. Molto frequentata e ben attrezzata con spit e catene, è tuttavia un percorso piuttosto impegnativo, con difficoltà fino al terzo superiore. Si sviluppa tra tra torrioni, camini e canaloni, e richiede la massima attenzione per i frequenti tratti esposti e delicati.
 
Sara Sottocornola

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close