• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Alta quota

Tentativo in corso al Nanga Parbat: Daniele Nardi e soci verso campo 4

Campo-2-Nanga-Parbat-Photo-Alex-Txikon-facebook-300x195.jpg

UPDATED (12/03)- ISLAMABAD, Pakistan — “Sulla via per campo 4. Il meteo è favorevole oggi!” Prosegue quindi il tentativo di vetta al Nanga Parbat, visto l’ultimo messaggio postato questa mattina (ora italiana) sulla pagina facebook di Alex Txikon. L’alpinista basco, Daniele Nardi, il pakistano Ali ‘Sadpara’ e l’iraniano Muhammad Kan stanno risalendo i campi alti del Nanga Parbat per compiere un secondo tentativo di raggiungere per la prima volta d’inverno la cima dell’ottomila pakistano.

Versante Diamir, via Kinshofer, ovvero la “normale”. Il tentativo è cominciato domenica 8 marzo. Il tempo non era dei migliori al campo base, ma in previsione di un miglioramento nei giorni successivi, gli alpinisti hanno deciso di attaccare ugualmente. La strada fino al campo 1 però è stata lunga e difficile e ha richiesto loro uno sforzo considerevole. Alex Txikon, Daniele Nardi, Ali ‘Sadpara’ e Muhammad Kan sono arrivati al primo campo molto tardi, praticamente di notte.

“Non è stata solo colpa della tanta neve – ha spiegato Txikon come si legge sul suo sito -: ci siamo persi sul ghiacciaio, non riuscivamo a vedere niente, non trovavamo la traccia da nessuna parte e abbiamo ‘danzato’ tra i crepacci finchè non abbiamo trovato le corde fisse”.

Il 9 marzo gli alpinisti si sono fermati a campo 1 a recuperare le forze. Il 10 marzo hanno proseguito fino a campo 2, a 6100 metri, e qui hanno trascorso la scorsa notte. Ieri mattina al risveglio il meteo non era dei migliori e soffiava un vento molto forte. Poi, dopo un paio d’ore, le condizioni sono migliorate e il gruppo ha deciso di proseguire: hanno raggiunto campo 3, 6700 metri, ieri alle 16.00. E ormai manca solo un campo, il quarto, verso cui sono in marcia proprio in questa giornata. Attendiamo nelle prossime ore nuovi aggiornamenti per capire se gli alpinisti tenteranno realmente l’attacco finale fino alla cima del Nanga Parbat.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.