• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
News

Verso una Macroregione alpina, a Milano il “G7 della montagna”

Le-Alpi-Photo-visibleearth.nasa_.gov_-300x192.jpg
Le Alpi (Photo visibleearth.nasa.gov)
Le Alpi (Photo visibleearth.nasa.gov)

MILANO — Un vertice importante per traghettare le singole realtà nazionali verso un futuro di coesione sotto il grande comune denominatore delle Alpi. Si è svolta a Milano la Conferenza internazionale Eusalp, che ha delineato la bozza del Piano di azione della Macroregione alpina, focalizzandosi sullo sviluppo economico, i trasporti e l’ambiente. Il summit ha visto la partecipazione di circa 1000 delegati di 7 Stati (Italia, Francia, Germania, Austria, Slovenia, Svizzera e Liechtenstein) e 48 Regioni tra cui Liguria, Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia, Veneto, Trentino-Alto Adige e Friuli Venezia Giulia.

La Conferenza internazionale, organizzata congiuntamente dalla Commissione Europea, la Presidenza italiana del Consiglio dell’Unione europea e Regione Lombardia, si è svolta a Milano l’1 e il 2 dicembre. Vi hanno partecipato gli Stakeholder della Strategia dell’unione europea per la Macroregione Alpina (Eusalp): circa 1000 delegati dei 7 Stati alpini e 48 Regioni tra cui naturalmente le 7 italiane. Scopo del vertice è stato quello di delineare la bozza del Piano di azione che sarà ora trasmessa alla Commissione europea per essere approvata entro giugno 2015.

Il piano condiviso alla conferenza di Milano individua tre priorità di intervento relative allo sviluppo economico, ai collegamenti e quindi ai trasporti, e infine all’ambiente. Gli obiettivi prefissi sono quindi favorire una crescita innovativa per migliorare la competitività, la prosperità e la coesione della regione alpina; collegare la regione per assicurare l’accessibilità e i collegamenti a tutti gli abitanti; proteggere l’ ambiente e promuovere una gestione sostenibile dell’energia e delle risorse naturali e culturali.

I sottosegretari del Governo Gianclaudio Bressa, Barbara Degani e Benedetto Della Vedova hanno sottolineato l’importanza del vertice milanese nel processo di creazione della macroregione alpina: “Vogliamo guardare le Alpi oltre il criterio delle connotazioni politiche – hanno detto, come riferisce l’agenzia Adnkronos -, puntando a una modalità innovativa di cooperazione e a legami tra i territori.” Bressa ha ricordato la stretta collaborazione necessaria tra i livelli statali, regionali e transfrontalieri: “La sfida è questa. Serve un maggior coordinamento per usare meglio le risorse esistenti e le sinergie possibili.”

Il presidente della Lombardia Roberto Maroni, che coordina le regioni italiane nella macroregione, ha sottolineato la volontà di recepire le istanze che arrivano dal basso “per ripensare l’assetto europeo – riferisce sempre Adnkronos -, perché la macroregione alpina non è un’utopia ma un progetto reale, di un’Europa più vicina ai popoli.” Dovrà essere un “laboratorio di progetti concreti e fattibili, a cominciare dalla programmazione UE 2014-2020.”  Il presidente della Conferenza delle Regioni e del Piemonte Sergio Chiamparino ha specificato che la macroregione non va contro gli Stati nazionali ma mira a fortificare il rapporto tra Europa e i territorio, concludendo infine che attraverso la montagna “possiamo far riscoprire la terra ai giovani”.

Articolo precedenteArticolo successivo

2 Comments

  1. “tre priorità di intervento relative allo sviluppo economico, ai collegamenti e quindi ai trasporti, e infine all’ambiente”
    priorità ai trasporti? andateglielo a dire a quelli della Val di Susa!

    “Roberto Maroni, ha sottolineato la volontà di recepire le istanze che arrivano dal basso”
    Chi sarebbe il basso? La gente di montagna? è la solita visione politica per cui chi governa sta in alto e tutti gli altri in basso.. complimenti!

  2. Un’altra mangeria…
    Un altro ente da mantenere con le nostre tasse.
    Altri politici inutile che si arricchiranno coi nostri soldi.
    Bravi! Continuiamo a creare enti inutili !!!! E chi li mantiene???? Ma perfavore!!!!!!!!!!!!!!!! Fate pena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.