Outdoor

E sulle piste svizzere arriva lo “skivelox”

ZERMATT, Svizzera — La Svizzera, si sa, è un paese rigoroso. Così rigoroso che hanno deciso persino di regolamentare la velocità di discesa sulle piste da sci. Con un’iniziativa senza precedenti gli elvetici metteranno sui loro tracciati degli skivelox.

Si tratta di macchinette in tutto e per tutto simili a quelle, ben più note, che controllano la velocità delle auto: gli autovelox. Il provvedimento – sostengono le autorità elvetiche – si è reso necessario per cercare di ridurre il numero crescente di incidenti, quasi sempre causati dall’eccessiva disinvoltura di taluni sciatori.
 
E così a partire da oggi si comincerà la sperimentazione degli skivelox sulle piste di Andermatt. Personale in incognito vigilerà grazie a dispositivi radar manuali, simili a quelli delle pattuglie della polizia stradale. Verranno puntati verso gli sciatori e chi verrà beccato ad andare oltre i 30 km/h (valore oltre il quale si rischierebbe davvero la vita, secondo alcuni test effettuati sui manichini) verrà fermato e costretto a rallentare.
 
Ma le pene previste per i recidivi sono maggiori. Si va dalla classica multa al sequestro dello skipass. Dopo Andermatt, toccherà anche a Zermatt, St Moritz e Davos. L’iniziativa svizzera è destinata ad allargarsi. Se è vero come è vero che nel paese elvetico lo socrso anno si sono registrati 70mila incidenti sulle piste, molti dei quali con feriti gravi e morti. Inoltre, tanto per far due conti, la Rega (il soccorso alpino svizzero) è dovuto intervenire almeno 300 volte lo scorso anno, con una spesa complessiva di 140milioni di euro. E si sa, gli svizzeri san far ben di conto…

 



Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close