Alpinismo

Babanov pronto ad attacare lo Jannu

immagine

KATHMANDU, Nepal — L’itinerario di salita è stato deciso. E l’acclimatamento è a buon punto. La spedizione di Valery Babanv e Sergey Kofanov, che puntano ad aprire una via nuova in stile alpino sulla parete Nord dello Jannu (7.710 metri), sta per entrare nel vivo.

I due alpinisti russi erano partiti il mese scorso dalla Siberia, annunciando che avrebbero deciso in loco l’itinerario da seguire per la salita. Qualche giorno fa è arrivata l’attesa comunicazione: i due hanno intenzione di salire in vetta lungo la cresta che delimita a ovest la parete Nord della montagna.
 
 

Si tratta di una linea elegante ed aerea (nella foto, in verde) che a Babanov ricorda la cresta ovest del Makau. Venne tentata una decina d’anni fa da un team francese, ma è tuttora inviolata.

 

"Stiamo benissimo – racconta Babanov – e il morale è ottimo. Se Dio lo vorrà, presto toccheremo quella cima che ho sognato tanto a lungo".

 
I due alpinisti, quindi, sono pronti ad attaccare la parete. Nelle prossime ore cercheranno di salire dal campo base (4.700 metri di quota) al plateau sovrastante (5.600 metri).
 
Come allenamento e acclimatamento hanno salito il vicino Peak Merra (6.334 metri), per il quale avevano richiesto uno specifico permesso di salita. La scalata sembra averli caricati ancor di più.
 
Sara Sottocornola
 
 
 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close