Alpinismo

Urubko: la bronchite non ci fermerà

immagine

PECHINO, Cina — "Siamo al campo base, Serguey si sta curando e speriamo di riprendere presto la scalata". Le parole di Denis Urubko lasciano trasparire un filo di speranza per il prosieguo della spedizione sulla parete Nord del K2, minacciata da un bronchite improvvisa che ha colpito Samoilov.

"Qui al campo base fa caldo – ha raccontato Urubko al portale Russianclimb -. Mangiamo carne, frutta, e guardiamo film con i compagni della nazionala kazaka impegnata sullo spigolo Nordovest. Spero che Serguey si rimetta in fretta: siamo convinti di continuare, vogliamo salire questa montagna".
 
Urubko e Samoilov sono arrivati ai piedi del K2 da circa una settimana. Hanno iniziato subito l’acclimatamento, salendo sullo spigolo nordovest fino a quota 6.600.
 
Il programma era di attaccare la nuova linea sulla parete Nord – che i due kazaki vogliono aprire in stile alpino – non appena l’acclimatamento fosse perfezionato.
 
Ma qualche giorno fa la brutta sorpresa: Samoilov si è sentito male sulla montagna a causa di una brutta bronchite, di origine sconosciuta. Immediato il ricovero presso l’attrezzato campo base della spedizione della nazionale kazaka, dove i medici stanno cercando di rimetterlo in forma il più presto possibile.
 
Sara Sottocornola

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close