Alpinismo

K7, nuova via per l’erede di Pustelnik

immagine

ISLAMABAD, Pakistan — Buon sangue non mente, anche nell’alpinismo. Adam Pustelnik, figlio del celebre himalaysta Piotr, ha aperto una nuova via sull’affascinante massiccio del K7 (6950 metri), nella Charakusa valley in Karakorum.

La via si snoda sul pilone centrale del K7 (che sembra fosse inviolato) ed è stata battezzata “Ledgeway to Heaven”. E’ lunga 1.300 metri, presenta difficoltà fino al 7b+ e un passaggio di artificiale di A0.
 
Adam Pustelnik, 25 anni, ha compiuto la salita con tre alpinisti belga: Sean Villanueva, Nicolas Favresse e Olivier Favresse.
 
Per aprirla, i quattro alpinisti sono rimasti in parete per quasi 40 ore, di cui 28 passate a scalare. Sulla parete hanno lasciato, secondo quanto riferito da Explorersweb, solo un paio di chiodi.
 
Ad annunciare il successo è stato il padre, che ha ricevuto da Adam un breve sms, che recitava più o meno così "Ce l’abbiamo fatta. Ora andiamo a dormire, perchè fino a domenica non abbiamo chiuso occhio nemmeno un minuto".
 
Adam Pustelink è nato a Lodz, in Polonia, il 1 maggio 1982. Studia sociologia all’università, e ha già all’attivo un bel curriculum alpinistico, in particolare nell’arrampicata sportiva. Ha comunque anche importanti esperienze all’estero, tra le quali spicca la via nuova aperta con il fratello Pawel nella Ak-Su Valley, in Kyrgyzstan.
 
Il padre Piotr si è ritirato l’anno scorso dalla corsa ai 14 ottomila con tredici cime scalate senza ossigeno. E, a quanto pare, sembra aver decisamente passato il testimone ai figli.
 
Sara Sottocornola

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close