News

La guerra bianca rivive in Valcamonica

immagine

PONTE DI LEGNO, Brescia — Un racconto itinerante, recitato da grandi artisti tra le cime della Val Camonica. Voci appassionate che ridanno vita alle gesta degli eroi della "Guerra Bianca", incantando gli auditori immersi nei luoghi dove sono state compiute.

Anche quest’anno è giunta l’ora di "Passi nella neve", la serie di appuntamenti in alta quota con i racconti della guerra del ’15-’18 che già tanto successo ha ottenuto negli anni scorsi.
 
Il primo incontro è stato sabato scorso nella piazzetta vecchia di Temù, dove Alessandro Manzini ha tenuto col fiato sospeso una gramita folla di turisti, conquistati dal racconto della scalata di Tita Secchi alla Nord dell’Adamello.
 
E il prossimo sarà al rifugio Bozzi, tra il Passo Tonale e il Passo Gavia, vicino a trincee e postazioni militari ancora in ottimo stato. In questo angolo storico Luigi Lo Cascio farà rivivere i ricordi del pastore-soldato Duilio Faustinelli, con uno spettacolo dal titolo "La Cattastrofe" che inizierà alle 8.30 del mattino. 
 
Il giorno dopo, lunedì 13 agosto, alle baite di Valbione sopra Ponte di Legno andrà in scena "Campo Santo". Una commovente recita in cui Davide Pini Carenzi racconterà le angherie subite dai prigionieri dei lager sovietici.
 
Se non volete perdere l’appuntamento con questo originale modo di vivere la montagna e la storia, affrettatevi a ritirare il coupon gratuito, disponibile in diversi uffici turistici, librerie e pro loco di tutta la Valcamonica.
 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close