• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Curiosità, Primo Piano

Neve: cervo salvato dal cacciatore, la storia che sta commuovendo il web

Cervo-nella-neve-photo-E.-Crepaz-courtesy-repubblica.it_-300x122.jpg
Cervo nella neve (photo E. Crepaz courtesy repubblica.it)
Cervo nella neve (photo E. Crepaz courtesy repubblica.it)

BELLUNO — Non trovava più nulla da mangiare. Così si è avvicinato alle case, con faticosi e lenti balzi nella neve che gli arrivava fino al muso. Affamato e impaurito. Un cacciatore gli ha portato del fieno, e continua ogni giorno a lasciargli, nel bosco, avanzi di frutta e verdura. Sta commuovendo il web la storia del cervo di Livinallongo fotografato dallo studente Emil Crepaz e raccontata questa mattina da Repubblica.

Il cervo in questione, evidentemente disperato come molti suoi simili dall’enorme quantità di neve al suolo che impedisce loro di trovare cibo, si è spinto davanti ad un gruppo di case dei Livinallongo. 

“Tra un salto e l’altro si fermava nella neve a risposare – ha raccontato Crepaz, che lo ha fotografato, a Repubblica -. Il nostro vicino di casa, che è un cacciatore di buon cuore, ha portato un mucchio di fieno poco distante, ma il cervo è rimasto immobile finché è sceso il buio. L’abbiamo rivisto la mattina successiva mangiare i frutti di un sorbo. Sembrava in forma migliore, quindi è scomparso nel bosco dove il cacciatore, con le ciaspole ai piedi, porta ancora bucce di frutta e verdura”. 

I cacciatori si occupano spesso di iniziative come questa, attraverso le loro associazioni, portando del foraggio in alta montagna per evitare che cervi e caprioli muoiano di stenti sotto la neve.

Un altro cervo in difficoltà ha trovato riparo in una stalla di Cortina insieme alle mucche di un’azienda agricola.

 

Articolo precedenteArticolo successivo

6 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.