Alpinismo

Nanga Parbat, partito il blitz slavo

immagine

ISLAMABAD, Pakistan — Sono arrivati il campo base il 26 giugno, e il giorno dopo avevano già montato campo 1. Dodo Kopold, Peter Hamor e Piotr Morawski avevano annunciato di voler compiere una "salita veloce" sull’ottomila pakistano, ma dalle avvisaglie si prospetta un vero e proprio blitz.

La mini-spedizione, formata dai due slovacchi Hamor e Kopold e dal polazzo Morawski, è impegnata sulla via normale del Nanga Parbat, il versante Diamir. Come al solito, i tre alpinisti saliranno senza portatori d’alta quota, senza ossigeno e mettendo il minor numero possibile di corde fisse.
 
Ma chi sta già pensando che sarà una delle grandi imprese della stagione, sappia che per i tre audaci alpinisti dell’est si tratta solo di un "allenamento".
 
Proprio così. Nel mirino della cordata c’è un obiettivo ben più importante, da raggiungere entro l’estate: l’inviolata e imponente parete ovest del K2. Una parete sulla quale, però, è già all’opera una cordata di 16 alpinisti russi che ha già raggiunto quota 7.400 metri e superato parte dell’enorme lastra di roccia. Chissà a chi spetterà l’onore della prima salita.
 
Hamor e Morawski sono due nomi noti dell’alpinismo himalayano e due storici compagni di cordata. Tra le altre cose, Morawski è autore, insieme a Simone Moro, della prima invernale sullo Shisha Pangma. Hamor ha salito Broad Peak, Everest e l’anno scorso l’Annapurna, da solo, in piena notte.
 
Il giovane Kopold, solo 26 anni, è sempre meno una promessa e sempre più una stella dell’alpinismo internazionale. Solo questa primavera ha salito nel giro di poche settimane il Cho Oyu (8.201 metri) e lo Shisha Pangma (8.027 metri), dove però ha perduto il compagno Marek Hudak.
 
Sara Sottocornola

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close