News

Caprioli incastrano coltivatori di cannabis

immagine

TRENTO — Tutta colpa di caprioli "golosi". Due ventenni sono stati denunciati perchè coltivavano cannabis sulle montagne trentine. Le piantine sono state individuate dalle guardie forestali, insospettite dagli strani e assidui pellegrinaggi dei caprioli verso il campicello.

Da tutti potevano aspettarsi una "sbirrata", tranne che dagli animali. E invece proprio loro li hanno traditi. La canapa indiana era stata piantata sul monte Scanupia, in un posto abbastanza nascosto, lontano dai luoghi abitati e da occhi indiscreti, ma evidentemente troppo vicini ai pascoli degli animali selvatici.
 
Le guardie forestali si sono accorte che stava accadendo qualcosa di starno. I caprioli continuavano ad andare a mangiare inspiegabilmente sempre nello stesso posto, e si muovevano in gruppi numerosi.
 
Così è partito il pedinamento. Li hanno trovati che divoravano letteralmente le piantine di canapa indiana, evidentemente un piatto succulento. Così hanno avvertito i carabinieri, che sono risaliti a due giovani residenti in Vallagarina.
 
Quando si dice presi per la gola…
 
 
Valentina d’Angella

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close