• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Sport estremi

Burgada, Ondra, Slawinski e Welsted candidati ad Adventurer of the Year

Kílian Jornet Burgada (Photo Pierre Thomas courtesy of Wikimedia Commons)
Kílian Jornet Burgada (Photo Pierre Thomas courtesy of Wikimedia Commons)

WASHINGTON, Stati Uniti — Sono già iniziate le votazioni sul sito del National Geographic per eleggere l’Adventurer of the Year 2014. Il titolo della nota società statunitense vede tra i 10 candidati il fortissimo skyrunner catalano Kílian Jornet Burgada e le sue imprese da record su Monte Bianco e Cervino, l’inarrestabile climber ceco Adam Ondra con l’apertura di Move e La Dura Dura e gli alpinisti canadesi Raphael Slawinski e Ian Welsted che hanno effettuato la prima salita del K6 West.

Torna come ogni anno Adventurer of the Year, il premio indetto dal National Geographic che permette ai visitatori del sito di scegliere quale delle 10 imprese proposte incarni meglio l’ideale di avventura. Per questa nuova edizione le “categorie” candidate alla vittoria sono: Insegnamento, Alpinismo, Surf, Arrampicata, Costruzione, Esplorazione, Nuoto, Sci, Sky running e Snowboard.

Tra i volti noti compaiono gli alpinisti canadesi Raphael Slawinski e Ian Welsted che lo scorso 28 luglio hanno conquistato l’inviolata vetta del K6 West, cima di circa 7100 metri nella celebre Charakusa Valley. I due sono riusciti a compiere la prima ascesa lungo il versante nord ovest della montagna nonostante la chiusura della Karakorum Highway a seguito dell’attacco terroristico al Nanga Parbat.

Per i climbers, tocca quest’anno ad Adam Ondra, il giovanissimo e inarrestabile rocciatore ceco che dall’inizio dell’anno ha scalato oltre 1000 vie di difficoltà compresa tra 8a e 9b+. Le imprese più importanti sono state sicuramente la prima ascesa di due vie con altissima difficoltà: La Dura Dura in Spagna, 9b+, e Move in Norvegia, 9b.

Nella categoria Sky running non sorprende di certo trovare il nome di Kilian Jornet Burgada, autore di due record sulle Alpi nell’ambito del suo progetto Summits of my life. L’atleta catalano è riuscito infatti il 12 maggio a salire e scendere dal Monte Bianco francese in 4 ore 57 minuti e 40 secondi e pochi mesi dopo, il 21 agosto, ha sorpreso tutti impiegando 2 ore, 52 minuti e 2 secondi per salita e discesa dal Cervino italiano.

Gli altri candidati sono: gli insegnanti Amy and Dave Freeman, il sufista Greg Long, i costruttori Stacy Bare and Nick Watson, l’esploratrice Sarah Marquis, la nuotatrice Diana Nyad, lo sciatore estremo JP Auclair e l’ex snowboarder Kevin Pearce. Si può esprimere una preferenza al giorno fino al 31 gennaio 2014, mentre il vincitore sarà annunciato nel mese di febbraio.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.