AlpinismoAlta quota

Everest: summit al campo base tra alpinisti, autorità e sherpa. Arrivano le scuse

CAMPO BASE EVEREST, Nepal — E’ ora di chiarire le cose, al campo base dell’Everest. Dopo la “zuffa più alta del mondo”, come l’hanno definita in Nepal, e le aspre tensioni che ne sono seguite, Simone Moro, Ueli Steck, Jon Griffith, gli sherpa, i capispedizione che si trovano ai piedi della montagna e i rappresentanti delle autorità e dell’esercito nepalesi si sono riuniti in una tenda al campo base per cercare di capire come la situazione sia degenerata fino a questo punto e che cosa fare nel prossimo futuro. A quanto pare, durante il meeting gli sherpa si sarebbero scusati per l’accaduto.

Nelle ultime ore le voci sugli accadimenti del weekend appena trascorso all’Everest si sono sovrapposte senza sosta, in cerca di risposte sul futuro della spedizione di Simone Moro e Ueli Steck, ma soprattutto di spiegazioni sul gesto così violento del gruppo di sherpa che si è scagliato contro gli alpinisti dopo un diverbio a 7000 metri.

Secondo quanto riferito da Nima Nuru Sherpa, presidente della Cho Oyu Trekking e punto di riferimento internazionale delle spedizioni alpinistiche in Nepal, durante il meeting gli sherpa avrebbero chiesto scusa agli alpinisti e viceversa, quindi si sarebbe anche aperto qualche spiraglio per il prosieguo della spedizione alpinistica. Ma non c’è ancora nulla di certo. Pare che Ueli Steck e Jon Griffith siano invece decisi a mettere fine alla spedizione e Simone Moro, di fronte alla rinuncia dei comapagni, potrebbe invece in Nepal per lavorare qualche settimana con l’Himalayan Rescue Team. Ma al momento si tratta solamente di ipotesi.

Tra qualche ora forse sapremo di più. Il summit al campo base tra i tre alpinisti che hanno subito l’aggressione, i rappresentanti degli sherpa, delle spedizioni e delle autorità locali sarebbe in via di conclusione, ma ancora in corso.

Tags

Articoli correlati

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close