Outdoor

Fondo: lotta antidoping ai mondiali

immagine

SAPPORO, Giappone — In vista dei mondiali di sci di Fondo a Sapporo, in Giappone, la Fis, Federazione internazionale sport invernali, metterà in atto uno dei programmi antidoping più severi mai utilizzati nello sport.

Lo ha annunciato Sarah Lewis, segretario generale della Fis: "Il nostro programma di lotta al doping e’ uno dei piu’ massicci per un grande avvenimento". Prima dell’inizio delle gare iridate, che si terranno dal 22 febbraio al 4 marzo, saranno compiuti 450 test antidoping, e verranno esaminati i primi 4 atleti di ogni competizione e altri 2 sorteggiati.
 
Gian Franco Kasper, presidente della Fis ha poi aggiunto che tutte le gare di sci di fondo e combinata nordica potrebbero essere soggette a test del sangue effettuati prima delle sfide e durante.
 
Del resto, l’attenzione al rispetto delle regole non è cosa nuova. Già nella stagione 2005-2006 infatti il Fis aveva effettuato 2.500 test durante le gare e fuori 500. 
 
Quanto alle competizioni, la squadra italiana da parte sua è pronta a dare il meglio nella lotta per le medaglie. lo stesso ct azzurro Marco Albarello si mostra fiducioso, e definisce i nostri fondisti motivati e preparati. Non nasconde tuttavia che molto dipenderà dai materiali e dal meteo, che sarà determinante per le condizioni della neve. 
 
Ottimismo anche per Pietro Piller Cottrer, uno dei superfavoriti del team azzurro, che afferma: «qui mi trovo bene e voglio trasformare in buoni risultati la carica che ho dentro. Desidero tornare protagonista al più presto».
 
Valentina d’Angella

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close