Outdoor

Skialp, Coppa del mondo ad Albosaggia

immagine

ALBOSAGGIA, Sondrio – Passaggi in cresta, canalini e discese mozzafiato. Ai cancelli di partenza, tutti i big internazionali. Anche quest’anno la Valtellina – Orobie, storica competizione di scialpinismo e oggi prova di Coppa del mondo, promette spettacolo e forti emozioni.

Una gara a coppie su un percorso altamente tecnico, che si sviluppa su 1940 metri di dislivello e 20 chilometri di sviluppo. Il tracciato, simile a quello del 2006, metterò alla prova le capacità alpinistiche degli atleti – soprattutto due tratti con oltre 40 gradi di pendenza, uno sulla cima Portorella e uno sul canalino del Pizzo Meriggio -, sia la loro tecnica di discesa – in particolare sulla Nord del Meriggio e nel bosco a monte delle vecchie piste del Campei. Per i giovani, ovviamente, è previsto un percorso ridotto.
 
L’esposizione a nord rende la zona ideale per la pratica dello scialpinismo e ancor più per la gara. “Il percorso risulta estremamente sicuro e il manto nevoso ben assestato – si legge nel comunicato stampa – Solo in alcuni canali, a causa del forte vento dei giorni scorsi, sono presenti degli accumuli di neve instabile. Il percorso verrà comunque valutato se dovessero verificarsi precipitazioni nei prossimi giorni”.
 
Sul percorso ci saranno circa 10 postazioni di controllo dotate di materiali per il pronto soccorso e la ricerca in valanga, con almeno 4 persone ognuna. Oltre alla presenza sparsa del Soccorso Alpino, la Guardia di Finanza e alcune unità dei Carabinieri e di due elicotteri dedicati.
 
Nata nel 1984 come  Rally del Meriggio, la Valtellina Orobie è ormai divenuta una classica dello scialpinismo degna di essere targata Coppa del Mondo. Una crescita permessa dall’attivissima Polisportiva Albosaggia, che negli ultimi anni ha dimostrato incredibili capacità organizzative e sfornato atleti di massimo livello, come Graziano Boscacci e Ivan Murada: i primi campioni del mondo di scialpinismo.
 
"L’ospitare la prima tappa del circuito di Coppa del mondo a coppie è motivo di grossa soddisfazione – ha detto il presidente della Polisportiva Franco Parolo -. Oserei addirittura definirlo il coronamento di un sogno perseguito da atleti, dirigenti e da un intero paese".
 
"Questo è l’evento sportivo più importante della provincia per il primo semestre del 2007" ha confermato l’assessore allo sport provinciale Carlo Fognini durante la conferenza stampa di presentazione dell’evento.
 
Un evento così importante che quest’anno Albosaggia ha deciso di costruirci intorno una imperdibile quattro giorni dedicata alla montagna, che da oggi fino a domenica allieterà il pubblico con serate mozzafiato (ospiti Alex Bellini, Silvio Mondinelli, Marco Confortola) e insegnerà ai bambini a vivere l’arrampicata e a conoscere il Parco delle Orobie (clicca qui per saperne di più).
 
 Sara Sottocornola
PERCORSO
 

Altimetria percorso senior/espoir

Altimetria percorso junior/cadetti
 
Le ultime considerazioni tecniche fornite dai direttori di gara, Giorgio Lanzi e Massimo Gianola, descrivono la gara, che partirà dai Prati del Campei (1.300 metri) e salirà verso il Dosso della Piada con gli sci in spalla fino a dove l’innevamento sarà sufficiente a calzare gli sci.
 
Dal Dosso della Piada (2.140 metri, primo controllo), inizia la prima discesa lungo i prati che portano alle baite Meriggio (2000 metri, secondo controllo). Qui gli atleti rimetteranno le pelli per affrontare la salita al Passo di Portorella (2.120 metri) da dove, a piedi, saliranno in cresta e seguendo le corde fisse raggiungeranno il Dosso di Portorella (2.160 metri, terzo controllo).
 
La seconda discesa termina alle Baite di “Sass Marmullii” (1.830 metri, quarto controllo), dove inizia la salita al lago delle Zocche e al canalino Sud/Ovest della Croce. Da qui gli atleti, ramponi ai piedi e corde fisse alla mano, raggiungeranno il punto più alto del percorso: il Pizzo Meriggio (2.350 metri, quinto controllo e cancello).
 
La discesa sarà lungo la parete Nord del Meriggio, fino alla “Baita Salinu” (1.820 metri, sesto controllo). L’ultimo saliscendi da affrontare porterà gli atleti su fino alla spalla del Meriggio (2.240 metri, settimo controllo), giù dalla normale fino in prossimità del traguardo, da raggiungere percorrendo un ultimo tratto di salita di cinquanta metri.
 
Per informazioni e iscrizioni, www.polalbosaggia.it
 
PROGRAMMA
 
Sabato 20 gennaio:

Ore 14.00 Apertura Ufficio Gara. Verifiche tecniche materiali e ritiro pettorali.
Ore 18.00 Briefing  tecnico con atleti.
Ore 18.30 Presentazione e distribuzione pettorali dei Top Team.
Ore 19.30 Cena Atleti
Ore 21.00 Serata con gli alpinisti Silvio Mondinelli e Marco Confortola: Annapurna.
 
Domenica 21 gennaio:
Ore 07.00 Ritrovo Atleti
Ore 09.00 Partenza Gara
Ore 13.00 Pranzo
Ore 14.30 Presentazione Autorità
Ore 15.00 Premiazione
Ore 17.00 Chiusura Manifestazione

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close