• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Meteo, Top News

Piogge a nord est e neve in montagna fino a 1000 metri, da domani migliora

Webcam malga San Valentino - 1500 metri in Val Venoste (Photo 3bmeteo.com)
Webcam malga San Valentino - 1500 metri in Val Venoste (Photo 3bmeteo.com)

BERGAMO  — Giacche pesanti e ombrelli aperti. Ancora per oggi il centro e il nord Italia saranno sotto violente precipitazioni, di carattere nevoso sulle Alpi orientali, dove già da ieri la neve sta scendendo fino a 1000 metri di quota. Poi il maltempo darà una tregua fino a lunedì su gran parte della Penisola, e infine da martedì le previsioni prevedono un forte peggioramento generale, che ridurrà a un lontano ricordo gli straordinari caldi di inizio ottobre.

Nel corso delle ultime ore le condizioni meteorologiche sulla Penisola sono peggiorate per il giungere di una perturbazione proveniente dal Nord Atlantico, richiamante aria più fredda in quota. Il fronte connesso alla perturbazione ha così valicato l’Arco alpino ed apportato frequenti acquazzoni e locali temporali in particolare su levante ligure, Emilia, Est Lombardia, Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli.

L’aria fredda che spinge il fronte ha favorito il ritorno della neve sulla Lombardia dove è nevicato nella notte intorno ai 1300 metri su alta Valtellina, Retiche e Contea di Livigno. La neve è risultata invece più diffusa sul Triveneto, con quota neve intorno ai 1300-1500 metri su Veneto e Trentino, mentre ha raggiunto i 1200metri sull’Alto Adige. Nevica nelle ultime ore a Dobbiaco, Passo Rolle e Paganella. Il manto nevoso ha fatto la sua ricomparsa anche a Madonna di Campiglio e Arabba.

In Dolomit il limite della neve è in calo dai 1800/2000 metri fino sui 900/1200 metri, e sui 1300/1600 metri sui settori prealpini. Nell’arco di 24 ore, si potranno avere quantitativi di 20/40 centimetri di neve fresca sopra i 2000 metri.

Tanta acqua scenderà ancora per oggi a quote più basse, nel nord est e nel centro Italia, con precipitazioni che prevedono accumuli fino a 63 millimetri a Musi, sulle Prealpi friulane, oltre 50 millimetri sulla Garfagnana, 43 millimetri a Rapallo sul levante ligure, fino a 30 millimetri su parmense, modenese e basso mantovano.

Nei prossimi giorni è previsto un miglioramento generale su tutto il nord Italia, con uno spostamento delle precipitazioni sull’Adriatico e nel sud Italia. Sulle Alpi quindi, dovrebbe splendere il sole da ovest ad est, anche se le temperature dovrebbero rimanere basse. Secondo le previsioni il grande peggioramento arriverà la settimana prossima a partire da martedì, con tante piogge e neve attesa su tutto l’Arco Alpino.

 

Info: www.3bmeteo.com

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.