Alpinismo

India, scomparsi due alpinisti messicani

immagine

CHANGABANG, India — Due alpinisti messicani Alfonso de la Parra (43 anni) e Andres Delgado (37 anni) sono scomparsi nei giorni scorsi sulla parete sud ovest del Changabang (6.864 metri), nell’Himalaya indiano. Le  operazioni di soccorso, svolte con l’ausilio dell’esercito indiano, non hanno ancora dato risultati.

Stando alle prime ipotesi dei soccorritori i due alpinisti dovrebbero trovarsi a circa cinquemila metri di altitudine, sul versante sud-ovest della montagna, nella zona sacra del Nanda Devi Sanctuary. Il cattivo tempo li avrebbe costretti a cambiare l’itinerario di discesa e portati fuori strada.
 
Secondo quanto riportato da Explorersweb, però, larea sacra dove si troverebbero ora sarebb completamente isolata: tutti i sentieri di accesso sarebbero stati cancellati e ne sarebbe vietato l’ingresso anche a piedi. Per questo motivo le ricerche sarebbero coordinate dall’alpinista indiano Harish Kapadia, che aveva esplorato personalmente tutta la zona prima che venisse chiusa al pubblico.
 
Nei soccorsi è coinvolto anche il noto alpinista messicano Carlos Carsolio, che si è impegnato personalmente a ritrovare i due amici. Secondo alcune sue recenti dichiarazioni, la probabilità di ritrovarli vivi sarebbe molto alta: i due alpinisti avevano scorte di cibo sufficienti per due settimane e nella zona non sarebbe difficile trovare acqua.
 
Delgado e De la Parra erano partiti verso la metà di settembre con l’obiettivo di aprire una nuova via sul Changabang, in stile alpino. L’ultimo contatto con loro risale al 13 ottobre scorso, appena prima del loro tentativo sulla parete himalayana.
 
Dopo qualche giorno l’assenza di contatti telefonici ha insospettito i familiari, che ne hanno denunciato la scomparsa facendo scattare immediatamente le operazioni di soccorso. Entrambi avevano scalato l’Everest negli anni Novanta.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close