Alpinismo

Val Gardena: conto alla rovescia per l'Unterkircher Award

locandinakarlunterkircheraward
Locandina Karl Unterkircher Award

SELVA DI VAL GARDENA, Bolzano — La scalata continua. E inizia il conto alla rovescia per la prima edizione del premio “Karl Unterkircher Award”, che venerdì 9 e sabato 10 luglio porterà l’eccellenza dell’alpinismo a Selva di Val Gardena, nel cuore delle Dolomiti. Ma non solo: in quei giorni si darà ufficialmente il via al progetto di sostegno per i bambini tibetani in memoria di Unterkircher.

Nel paese natale del celebre alpinista altoatesino fervono gli ultimi preparativi per accogliere i grandi personaggi che compongono la giuria del premio (Ines Papert, Hans Kammerlander, Rolando Larcher, Carlo Caccia e Volker Leuchsner) e soprattutto i protagonisti delle nomination: Marko Prezelj, Rok Blagus e Luka Lindic dalla Slovenia; Simon Anthamatten, Samuel Anthamatten e Michael Lerjen dalla Svizzera; Ueli Steck sempre dalla Svizzera, Robert Jasper dalla Germania con lo svizzero Roger Schaeli e infine Simone Moro dall’Italia con il kazako Denis Urubko.

Fra le cinque nomination per il “Karl Unterkircher Award 2010”, la giuria assegnerà al primo classificato un trofeo raffigurante le cime del Sassolungo, simbolo dalla  Val Gardena, dal quale sorride il volto di Karl Unterkircher. Si tratta di un’opera d’arte di roccia dolomitica, legno di ciliegio e acciaio inox, realizzata dal compagno di cordata di Karl, Gerold Moroder, che aveva già realizzato il memorial posto dal fratello di Unterkircher al campo base del Nanga Parbat lo scorso autunno.

La scultura di G. Moroder, premio del Karl Unterkircher Award

I quattro alpinisti o gruppi di alpinisti rimanenti, saranno considerati ex equo al secondo posto e onorati con un premio analogo, sebbene di misura inferiore.

Sabato 10 luglio nel corso della manifestazione sarà ufficialmente dato il via al progetto di sostegno per i bambini tibetani di Lhasa in memoria di Unterkircher. Prima della sua scomparsa il 15 luglio 2008 sul Nanga Parbat, infatti, l’alpinista aveva espresso il desiderio di realizzare un progetto sociale in favore dei bambini più poveri del Tibet.

La moglie Silke, gli amici di Karl e Sportmeet, rete internazionale di sportivi che vivono per contribuire alla fraternità universale nello sport ed attraverso lo sport, a cui Karl era legato, hanno avviato la realizzazione di un progetto di sostegno a distanza a Lhasa, che sostiene la crescita umana e culturale di bambini in difficoltà fornendo ad essi un regolare aiuto economico annuale. Il sostegno a distanza di ogni bambino che verrà inserito nel progetto continuerà fino al compimento dei 18 anni di età. Garante del progetto è l’Afn (Azione per Famiglie Nuove), un’organizzazione non lucrativa di utilità sociale che ha in carico il sostegno a distanza di oltre 18mila bambini in diverse parti del mondo.

Scarica il Programma_KarlUnterkircherAward

Info: www.design-urgestein.com, www.famiglienuove.org, www.sportmeet.org, www.karlunterkircher.com, www.valgardena.it, www.3dwood.com.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close