Curiosità

Le figlie delle nevi

immagine

Nel cuore di un’alta montagna che si elevava al cielo con ripidi pareti, si apriva, in quei tempi, una vasta grotta: era la tana di un gigantesco dragone volante, a nome Scrik, che col suo unico occhio rosso e luminoso affascinava uomini e animali e col fiato velenoso diffondeva attorno la morte. Guai a colui che capitava tra le sue spaventose grinfie!

 

Per fortuna gli era concesso di uscire dalla grotta una sola volta l’anno, all’inizio della primavera. Trasvolava allora l’aria con un rombo sinistro che agghiacciava i cuori dei poveri valligiani del Grindelwald; e sul suo passaggio erano valanghe, inondazioni e la distruzione di ogni cosa. Il suo volo era peggio di un uragano. Quando si avvicinava la primavera e già si sentiva nell’aria l’alito infocato del drago, gli uomini si chiudevano nelle loro capanne, le donne pregavano, i bambini piangevano atterriti, e tutti attendevano con ansia indescrivibile il volo di Scrik.

 
Che cosa non era stato tentato per liberare la valle dal mostro? I giovani piú ardimentosi erano partiti, armati di tutto punto, per uccidere il drago dentro la sua tana: i disgraziati non avevano più fatto ritorno. Santi eremiti avevano tentato gli esorcismi e le preghiere. Ma tutto era stato vano fin allora.
 
Un giorno, giunse nella valle un menestrello straniero, che, accompagnandosi all’arpa, cantava melodiose canzoni. Si chiamava Singo e fu ospitato nella piú ricca fattoria del villaggio, abitata dal pastore Bacalp. Singo conquistò coi suoi canti il cuore di quei rudi alpigiani, che nelle dolci melodie ritrovavano la pacata bellezza delle loro montagne.
 
Passò l’inverno, giunse la primavera con la notte terribile del volo: e il menestrello divise coi suoi ospiti le ansie di quelle tragiche ore. Egli si era affezionato in modo particolare alle due piccole figlioline gemelle del pastore, Singeli e Sceneli. Si baloccava con esse, le accompagnava nelle loro corse sui monti, le cullava la sera coi suoi canti; e ben presto, alla scuola del loro affettuoso maestro, anche le due bimbette divennero cantatrici abilissime.
 
Passarono gli anni, e le due bimbe divennero due stupende giovinette, assai diverse dalle altre ragazze della valle. Singo le aveva trasformate. I loro modi erano gentili, le loro menti aperte e raffinate, il loro cuore generosissimo. E queste doti facevano risaltare anche di piú la loro delicata bellezza. I valligiani le chiamavano "le Figlie delle Nevi", tanto era bianco il colorito della loro pelle. Singo aveva insegnato loro anche l’arte di guarire i mali con le erbe alpine, e perciò tutti in paese e nei paesi vicini ricorrevano a loro quando erano malati, e benedicevano le brave fanciulle e il loro maestro quando poi guarivano.
 
Ma, un brutto giorno, Singo chiamò in disparte il pastore e gli disse: "Amico mio, tu mi hai ospitato per tanti anni nella tua casa e puoi immaginare se te ne sono grato. Ho cercato di ricompensarti come potevo, educando al bene le tue belle figliuole. Spero che sarai contento di me. Ora io debbo partire e tornare al mio paese. Non dir nulla di questo a Singeli e a Sceneli, per risparmiar ad esse e a me il dolore della separazione. Partirò stanotte, di nascosto. Ho diviso con te e con voi tutti di questo paese le vostre ansie durante le tremende notti del drago volante e nulla ho potuto fare purtroppo per liberarvi da questo flagello. Ma ascoltami bene. Le tue figlie sono diverse dalle altre giovinette: in loro c’è qualcosa di sacro, hanno il dono di una voce che affascina e vince ogni cuore piú duro. Esse sole potranno liberare la valle dal mostro orribile. Lasciale dunque andare incontro al mostro quando uscirà dalla caverna. Non ti opporre al loro destino".
 
Da quel giorno il povero pastore visse in grande angoscia. Ripensava alle parole di Singo, e una tremenda lotta si dibatteva nel suo cuore tra l’amore per le figlie e l’amore per i suoi simili e per la sua terra. Quando si avvicinò la notte di Scrik, chiamò le due ragazze e ripeté loro le ultime parole del menestrello.
 
"Fate voi quel che volete: io vi lascio libere nella scelta".
"E perché – risposero le fanciulle – non dovremmo compiere il nostro destino? Lasciateci andare a liberar la valle dal mostro. Se questo ci sarà concesso, che valore può avere la nostra vita?".
 
Ben presto la notizia si sparse per tutta la valle, mentre i segni premonitori del flagello facevano prevedere vicina la terribile notte. Tutti i pastori vollero accompagnare le due fanciulle votate al sacrificio che, abbigliate di veli bianchi come se andassero nozze, salirono verso la caverna del mostro Giunte al luogo designato per l’incontro fatale col drago, i pastori, muti e commossi, salutarono le Figlie delle Nevi.
 
Verso la mezzanotte, scoppiò un violento temporale. Tra i tuoni e i lampi, si senti distintamente il batter d’ali del drago e il sibilo lungo che usciva dalla sua bocca di fuoco. Poi un urlo nuovo e terribile si diffuse per l’aria e tra tanto fragore, giungevano a tratti i dolci tocchi di un’arpa e un canto appassionato soavissimo. Erano certo le due angeliche fanciulle che cantavano con la loro arte piú pura.
 
I valligiani attesero l’alba pregando. E appena apparì il primo chiarore, uscirono ansiosi dalle loro case, salirono sul luogo dove il giorno innanzi avevano lasciato le due fanciulle. Di esse non c’era piú nessuna traccia. Ma un pastore accennò col dito la cima del monte dove era la grotta del drago. Tutti guardarono, e un grido di stupore usci dalle loro bocche. Sulla cima nera della montagna apparivano adesso due macchie candide che prima non c’erano, che non c’erano mai state.
 
"Le due gemelle!" gridarono.
 
E il gran foro che segnava l’ingresso della grotta era scomparso.
 
Il drago da allora non apparve piú e la valle fu liberata per sempre dal terrore. E nelle calde notti primaverili, in cui soffia il Fhon, penetra nel fondo delle anime umane un desiderio infinito di bontà: è l’eco del canto delle due sorelle che si fonde col mormorio del vento.
 
Fiaba svizzera
 
 
Storie e ed altri materiali per bambini sul sito Quaderno a Quadretti della Maestra Tiziana 
 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close