News

Nuova allerta sul ghiacciaio Planpincieux, evacuata temporaneamente zona a rischio

Nella giornata di lunedì 4 luglio, Fondazione Montagna Sicura ha redatto un Report di allertamento sintetico relativo al Ghiacciaio di Planpincieux, osservato speciale nel settore delle Grandes Jorasses, nel massiccio del Monte Bianco, evidenziando un aumento del rischio glaciologico, come conseguenza di una perturbazione in transito in serata sulla regione. Il Comune di Courmayeur ha pertanto messo in atto delle misure preventive, tra cui la evacuazione temporanea, dalle ore 18.30 del 4 luglio alle ore 8.00 di martedì 5 luglio, delle aree maggiormente a rischio.

Nel dettaglio, come riportato sul sito del Comune, “il bollettino di monitoraggio del ghiacciaio pone attenzione su criticità Meteorologica, idrogeologica e Valanghiva regionale. Alla luce delle criticità meteo idrogeologica su versanti e torrenti, segnalata dal bollettino di criticità regionale, con allerta gialla sulla zona della Valdigne (D), valida dal 04-07-2022 ore 14:00 al 05-07-2022 ore 23.59, sono attivate le misure precauzionali di Protezione Civile fino ad esaurimento delle precipitazioni e prossima comunicazione.

In particolare:

  • dalle 18h30 alle 23h00 il tratto di strada comunale bivio Meyen Montitta/ Planpincieux viene presidiato e in caso di precipitazioni il transito veicolare e pedonale viene dirottato (senso unico alternato) lungo la strada della Montitta
  • dalle 23h00 fino alle 8h00 del 05/07 il transito del traffico veicolare e pedonale è deviato sulla strada della Montitta:
  • evacuazione aree interessate, come da planimetria, dalle ore 18h30 del 04 luglio alle ore 8h00 del 05 luglio 2022″.

Nel comunicato è stato inoltre evidenziato che “sul restante territorio di Courmayeur tutte le attività turistico ricettive e sportive procedono normalmente”. Una conclusione che sottolinea, come ribadito in mattinata al XIX secolo dal sindaco di Courmayeur, Roberto Rota, che “Courmayeur è sicura” ma si sta puntando sulla via della prevenzione. “Diversi ghiacciai della Valle d’Aosta hanno dei problemi, come d’altronde ormai ovunque. Noi facciamo tutto il possibile: monitorandoli continuamente”, la dichiarazione del sindaco.

Evacuazioni, interdizioni e deviazioni stradali sono misure cui gli abitanti della Val Ferret sono ormai abituati dal 2019, anno in cui i monitoraggi, attivi dal 2013, evidenziarono una preoccupante accelerazione della porzione inferiore del ghiacciaio. A seguito di tale allerta, il monitoraggio del ghiacciaio è stato intensificato, mediante installazione di un radar attivo h24. Il volume della porzione di ghiacciaio che scivola verso valle, con una velocità attualmente rilevata fino a 1 metro al giorno, è stimato in circa 400 mila metri cubi.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close