Alpinismo

Alaska, due ice-climber disperse sul Monte Foraker

immagine

FAREWELL, Alaska — Sono due delle più forti alpiniste americane. Ma di loro non si ha più traccia dal 12 di maggio. Sue Nott e Karen McNeill sono scomparse durante la salita al Mount Foraker, in Alaska, lasciando solo uno zaino e qualche impronta nei pressi della vetta.

Le ricerche, interrotte il 5 giugno a causa del maltempo, riprendono in questi giorni. Ma senza speranza di trovare sopravvissuti.
 
Le due alpiniste sono state viste l’ultima volta il 12 di maggio, quando hanno lasciato il campo base per scalare lo sperone Infinite, una linea difficilissima sul versante sud del Mount Foraker (la seconda vetta più alta dell’Alaska con i suoi 5.304 metri d’altezza).
 
La scalata doveva durare dai 10 ai 14 giorni, ma la Nott (36 anni, statunitense) e la McNeill (37 anni, canadese) non sono più rientrate al base. Alla fine di maggio è scattato l’allarme ufficiale e gli elicotteri hanno cominciato a battere in perlustrazione tutta l’area circostante, ritrovando uno zaino, una radio e alcune impronte vicino alla cima.
 
Troppo poco per capire cosa sia successo veramente alle due scalatrici. Ma, considerato il tempo trascorso dalla loro scomparsa, è abbastanza per far affievolire le speranze di ritrovarle vive. “Ormai non si tratta più di un salvataggio, ma di un recupero – avrebbe tristemente dichiarato il portavoce del Denali National Park all’Anchorage Daily -. A quest’ora le due alpiniste sarebbero al decimo giorno senz’acqua.”
 
La Nott e la McNeill, molto note in Alaska, hanno una grande esperienza alpinistica e sono da tempo compagne di cordata: nel 2004 furono le prime donne a scalare la via Cassin sul McKinley (la vetta più alta dell’Alaska).
 
Nel curriculum di Sue Nott, originaria del Colorado, spicca la scalata della Nord dell’Eiger e quella, in stile alpino, di due cime oltre i 6500 metri nell’Himalaya del Garwhal indiano.
Il Monte Foraker è situato in cima al Foraker Glacier, nel Denali National Park, circa 23km a sud-ovest del McKinley.
 
 
Sara Sottocornola

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close