AlpinismoAlta quota

Il maltempo chiude il tentativo di vetta sul Manaslu, tutti al CB

Aggiornamento 14/02/21

Alex Txikon, Inaki Alvarez e il gruppo sherpa sono tornati oggi al CB interrompendo ufficialmente il tentativo di vetta. La chiusura della finestra meteo è arrivata come previsto e ha portato con sé vento e neve costringendo la squadra a scendere da C3, posizionato ieri a 6750m, dove hanno trascorso la scorsa notte. Un’uscita però molto utile dato che sono riusciti ieri ad attrezzare la via fino a 7000m.

Simone Moro, invece, dopo essere tornato al CB il 12 febbraio per recuperare i ramponi di scorta (i suoi li aveva prestati a Alvarez che li aveva persi) aveva deciso di non tornare sulla montagna: “Ho preferito rimanere al CB per 48 ore, visto che Karl Gabl (il suo meteorologo di fiducia in ogni spedizione, ndr) aveva previsto due giorni di brutto tempo per oggi e domani“.

Ora dobbiamo riposare e concentrare le nostre forze per la prossima finestra di bel tempo” scrive Alex Txikon di rientro al base. “Per fare i nostri piani dobbiamo attendere i prossimi giorni e vedere quanta neve scenderà” ha scritto invece Moro più cautamente postando il video qui sotto.


Aggiornamento 12/02/21

Ultime dal tentativo di vetta al Manaslu. Simone Moro ha lasciato questa mattina campo 1, dove ha trascorso la notte, e ha cominciato a salire per raggiungere i compagni, che invece partivano da C2 basso. Sulla via, attorno ai 6500m, ha però incontrato Inaki Alvarez rimasto bloccato a causa della perdita di un rampone. L’alpinista bergamasco ha così deciso di dargli i suoi e di scendere al campo base per recuperare quelli di scorta. Una scelta dettata dal fatto che Moro, oltre ad aver dimostrato nelle rotazioni precedenti di essere in ottima forma fisica, ha un giorno sulla montagna in meno rispetto allo spagnolo, che quindi è più stanco.

Nel frattempo, il gruppo di testa capitanato da Alex Txikon, ancora una volta rallentato dalla neve alta caduta nei giorni scorsi, è riuscito a raggiungere solo i 6500m, C2. Domani proveranno a raggiungere i 7000. Sono in ritardo rispetto ai programmi (oggi avrebbero dovuto essere a C3) e rischiano di non farcela con i tempi, la chiusura della finestra è per il 15. Oltretutto ora Simone è al campo base e dovrà risalire e recuperare il terreno.

Capiremo nelle prossime ore cosa decideranno gli alpinisti, ma le opzioni sono sostanzialmente due, se le previsioni non mutano: cambiare strategia saltando un campo alto, ma vorrebbe dire essere veloci e date le condizioni sembra difficile; utilizzare questa uscita come una rotazione di acclimatamento e sfruttare la prossima finestra buona per il tentativo di vetta.


Aggiornamento 11/02/21

Si continua a salire al Manaslu, sotto il cielo sereno. Oggi secondo la tabella di marcia bisognava arrivare a C2, che nelle rotazioni precedenti era stato posizionato a 6650m, un po’ più in alto dell’usuale (6400m). La neve alta ha però rallentato il progredire del gruppo capitanato da Alex Txikon e la salita odierna si è fermata a quasi 6100m, dove è stato fissato un C2 basso.

Nel frattempo, anche Simone Moro ha lasciato il campo base iniziando così il tentativo di vetta. Data l’abbondante neve fresca è salito con le ciaspole raggiungendo C1, dove si è fermato per la notte. Dovrebbe raggiungere i compagni domani.

I programma per la vetta sono di raggiungere domani C3, solitamente posto a 6800 metri. Al momento gli alpinisti non sono mai saliti oltre i 6650 metri, le condizioni della montagna sopra sono un’incognita che proveranno ad affrontare.

Tags

Articoli correlati

5 Commenti

  1. Mah, francamente penso che non sia questa la finestra buona per l’affondo finale, visto che siamo alle porte del sabato e il team è ancora fermo sotto i 7000, tuttavia sarà comunque una preziosa chance per limare la condizione e dare un necessario stimolo al corpo per performare al meglio alle quote della vetta in vista di una successiva finestra. Con tutta l’esperienza che Moro e Txikon hanno, sarei molto sorpreso di vederli già in questo weekend spingere per fare vetta, perché c’è pure da mettere in conto la discesa e la finestra da come ho capito potrebbe essere a questo punto troppo stretta. Staremo a vedere, ma i due hanno tantissima esperienza e sono sicuro che non andranno oltre ogni ragionevole rischio.

  2. dai ragazzi ….. niente è ancora perso …. sento che quest’anno, nonostante il caos che si è venuto a creare sul k2 ce la farete ad arrivare in CIMA. La forza arriverà da quelle persone che ora non ci sono più ma che saranno con voi , a proteggerVi e ad indicare la via migliore per la riuscita. Alex … Simo … quando siete in SUMMIT urlate i nomi ( TUTTI ) dei vostri fratelli che riposano da quelle parti … loro sentirannooooo

  3. Rallenta anche il piano vaccinale e ci preoccupa molto di piu’. se fosse portato avanti alla svelta,potremmo compiere le nostre piccole anonime gitarelle montane in massa, portando soldi all’economia locale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close