CronacaNews

Troppa neve, il Soccorso Alpino sale…sui tetti!

"Sembriamo Le Formiche di Fabio Vettori ma stiamo solo facendo il nostro dovere"

Il servizio offerto alla comunità dal Soccorso Alpino non è solo fatto di interventi in quota. I tecnici del CNSAS lo hanno dimostrato, soprattutto nell’anno appena trascorso, in più occasioni. Li abbiamo visti intervenire in aiuto di persone anziane, di quattro zampe e attivarsi per il bene della Salute pubblica, affiancando il personale medico nella lotta al Covid-19 negli ospedali da campo. I primi giorni del 2021 stanno vedendo le squadre del CNSAS impegnate, soprattutto sul settore alpino orientale, a supporto della popolazione alle prese con disagi indotti dalle forti nevicate delle scorse settimane. In particolare nelle immagini diffuse nel weekend vediamo i soccorritori di Friuli Venezia Giulia e Veneto in azione sui tetti, ormai sovraccarichi di un quantitativo di neve insostenibile.

“Sembriamo usciti da una vignetta de Le Formiche di Fabio Vettori – commenta il CNSAS – ma in verità… stiamo solo facendo il nostro dovere”.

“Un fiocco dopo l’altro, al servizio della montagna”

“Da questa mattina gli operatori delle Stazioni del Soccorso Alpino e Speleologico Friuli Venezia Giulia – CNSAS di Trieste, Maniago, Moggio Udinese, Pordenone e Udine sono andati a dare supporto alle Stazioni di Sappada e Forni di Sopra su richiesta della Protezione civile della Regione Friuli Venezia Giulia al fine di evacuare la neve dai tetti ormai sovraccarichi e che rischiano in alcuni casi particolari di collassare – scrive il CNSAS a corredo delle immagini diffuse sui social domenica 3 gennaio – . La Stazione Valcellina è stata impegnata a Claut per lo stesso motivo e quella di Cave del Predil analogamente per supportare alcune persone anziane. Situazione similare in Comelico (provincia di Belluno), dove la stazione della Val Comelico del Soccorso Alpino e Speleologico Veneto – CNSAS ed altre in supporto hanno iniziato l’opera di evacuazione di neve dai tetti. Le operazioni proseguiranno anche nella giornata di domani”.

Sempre nella giornata di domenica il Soccorso Alpino FVG è intervenuto a Prato Carnico (UD) per sgomberare il tetto di un capannone industriale della ditta Solari, collassato sotto il peso del manto nevoso. Dodici i tecnici in azione. L’intervento è terminato in notturna. Oggi le squadre saranno nuovamente operative a supporto della Protezione Civile per sgombero neve a Forni di Sopra e Sappada. Così come nelle frazioni di Forni Avoltri, Collina, Collinetta e Sigilletto e Frassinetto, isolate da una frana caduta lo scorso mese.

Non li ringrazieremo mai abbastanza per il loro operato!

In volo sui tetti di Forni di Sopra

 

Tags

Articoli correlati

5 Commenti

  1. Dalle foto non sembrano essere sempre in perfetta sicurezza, non rispettano le norme, le regole … 🙂

    Secondo me dovrebbero essere multati per dare un eclatante esempio istruttivo, con multe più pesanti di quelli che lavorano sui tetti per mestiere e che di sicuro sono molto più esperti di loro. 🙂

    Comunque sono sempre volonterosi !

  2. Un fattore che aiuterebbe molto e’ la pendenza delle falde del tetto…maggiore o uguale a 60 gradi rispetto alla verticale .Lo sanno bene i progettisti.Poi per spalare totalmente a pala..e forza braccia richiede un fisico in ottime condizioni cardio circolatorie. Forse un aiuto con qualche dispositivo aiuterebbe,

  3. ..infatti , visti sul web:spazzaneve a turbina elettrici per uso di singola persona…poi bisogna provarli sul campo , o meglio sul tetto.Ottimo aver visto nelle fotosistema di sicurezza con corde ed imbragature..
    Qualche volenteroso del fai da te e’ gia’ caduto con gravi conseguenze.

  4. Buonasera. Parlando con dei locali,si discuteva sul perche” con 1 metro di neve in montagna , si parla di emergenza neve,bisogna aspettare i volontari protezione civile x spalare il marciapiede, o soccorso alpino, x liberare i tetti, quando anni fa ( non secoli) , ognuno faceva il suo ,e poi ci si aiutava. Sappiamo in anticipo il meteo,e ogni volta sono polemiche e problemi .

  5. Oltre che la pala, si vedono sul web altri metodi e attrezzi per smuovere e tagliare lo strato della neve dal tetto ,tagliandola..e poi facendola contemporaneamente scivolare su un telo di plastica.Piu’ la neve e’ fresca e farinosa e meglio riesce…se poi si compatta…diventa uno sforzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close