Bike

Giro d’Italia autunnale, si teme freddo e neve per Stelvio e Colle dell’Agnello

Non si è mai visto un Giro d’Italia autunnale, l’abbiamo già detto. E le previsioni non smentiscono questa inedita edizione. Tra un Nibali che attende l’arrivo dei grandi dislivelli, un Filippo Ganna che impressiona con 100 chilometri di fuga e il ritorno vittorioso del campionissimo Peter Sagan il Giro fa i conti da un lato con i crescenti casi di Coronavirus, dall’altra parte con la meteo alpina.

Ora che la corsa rosea è in salita verso le Alpi ci si inizia a preoccupare seriamente per quelle tappone che prevedono lo Stelvio e il Colle dell’Agnello. Quest’anno ottobre non è stato clemente e mentre al sud ha regalato cielo grigio e pioggia, al nord ha portato la neve a quote relativamente basse rispetto anche solo allo scorso anno. Tutto normale verrebbe da dire, ma la situazione montana rischia seriamente di portare il Giro a ulteriori modifiche al suo svolgimento. Potrebbe infatti venir richiesta l’applicazione dell’Extreme weather protocol, un protocollo nato nel 2016 per tutelare i corridori in caso di condizioni meteorologiche avverse. Con la sua applicazione la tappa potrebbe venir accorciata o addirittura annullata, togliendo al Giro alcuni momenti importanti e potenzialmente stravolgendo la classifica finale.

Se sul finire di maggio una nevicata improvvisa sui più alti passi è una cosa facilmente risolvibile con pochi giorni di sole, tutt’altra cosa è quello che potrebbe accadere in autunno inoltrato quando le temperature tendenzialmente proseguono verso il basso. Anche questo però non è scontato, anche qui con pochi giorni di clima mite tutto potrebbe risolversi consentendo ai ciclisti di tornare oltre i duemila metri di quota. Quello che è certo è che al momento i passi sono percorribili, ma un cambiamento delle condizioni potrebbe compromettere la viabilità da qui al 22 ottobre. Ci si può fare tante domande a riguardo dell’organizzazione, ci si può chiedere perché il Giro non abbia pensato prima al problema neve, perché non ha calcolato un percorso alternativo. La realtà è una sola: in questo 2020 così strano tutti navighiamo a vista cercando di fare del nostro meglio, stessa cosa vale per il Giro d’Italia che nonostante tutto è riuscito a regalarci grandi emozioni già in queste prime dieci tappe.

Ovviamente l’organizzazione rosea ha già in mente un piano B, per ovviare al problema della neve. È però vero che un Giro senza tappone alpine non sarebbe il Giro d’Italia, per questo in caso di impossibilità ad affrontare lo Stelvio i ciclisti saranno dirottati attraverso Tonale, Edolo e Aprica per poi affrontare il devastante Mortirolo. Diversa è invece la situazione al Colle dell’Agnello, protagonista della penultima tappa insieme al Colle dell’Izoard e del Monginevro, che già è stato chiuso qualche settimana fa proprio a causa delle prime nevi. Impossibile escludere che possa riaccadere, così si ragiona verso un passaggio sterrato sul Colle delle Finestre, ma secondo i piemontesi risulterebbe complicato riuscire a rimettere a nuovo il terreno per tempo. Spunta così un piano C, con più passaggi a Sestriere che è anche arrivo di tappa. Sarebbe un vero peccato per quella che senza timori si può definire come la tappa regina di questo Giro 2020. Ma non disperiamo. Fino a qualche mese fa eravamo convinti che la manifestazione sarebbe stata annullata, oggi godiamo di una competizione che a livello atletico sta emozionando quasi quanto quei giri dove il Pirata andava in fuga verso l’alto o dove il Re Leone scattava in volata negli ultimi metri. Edizione certamente complessa, ma lo spettacolo rimane garantito.

Tags

Articoli correlati

Un commento

  1. Le previsioni parlano di caldo anticiclone africano da oggi a giovedì compreso, con zero termico a 4100 m e clima mite anche in alta quota. La fase di freddo precoce che ha interessato l’Italia da fine settembre sta infatti volgendo al termine. Come temperature si tornerà indietro di 1 mese. In più allo Stelvio è nevicato poco. Di solito a fine ottobre ce n’è molta di più. E’ più innevato il Tonale che è sotto i 2000 m, per non parlare del Presena, dove c’è un metro di neve. Quindi se le previsioni venissero confermate dai fatti, sarà come salire a giugno. La settimana corsa sarebbe stato impossibile salire sullo Stelvio, con temperature fino a -13°. E’ un vero miracolo. Per il Colle dell’Agnello invece sarà più dura perchè da venerdì potrebbe arrivare una moderata perturbazione atlantica in grado di portare un po’ di pioggia e neve su tutte e Alpi. Vedremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close