Cronaca

Il Ragno di Lecco Matteo Bernasconi muore travolto da una valanga

Aggiornamento ore 10.00 13/05/2020: Il corpo di Matteo Bernasconi è stato recuperato questa mattina con l’elicottero l’elicottero di AREU (Azienda regionale emergenza urgenza Lombardia), decollato dalla base di Caiolo (SO). Impegnati nell’intervento, scattato ieri sera, il Cnsas – VII Delegazione Valtellina Valchiavenna, Stazione di Sondrio, con tecnici e UCV (unità cinofile da valanga) e con il Sagf – Soccorso alpino Guardia di finanza.


Il mondo della montagna piange oggi la scomparsa del Ragno di Lecco Matteo Bernasconi, travolto da una valanga in Valtellina. Il suo corpo è stato ritrovato la scorsa notte.

Originario di Como, classe 1982, il Berna, come era chiamato dagli amici e da tutti gli appassionati del mondo alpinistico, era divenuto membro dei Maglioni Rossi nel 2003, ancor prima di diventare Aspirante Guida Alpina nel 2009 e Guida Alpina nel 2011.

Secondo le prime ricostruzioni, Matteo sarebbe stato travolto da una valanga nel Canale della Malgina, in Valtellina, nella giornata di martedì 12 maggio. In serata sono scattate le ricerche, durate fino alle 2 di notte quando il corpo è stato avvistato. Nelle prossime ore si procederà al recupero, rallentato dal maltempo.

Grande lo sconforto nella comunità alpinistica. Ci uniamo ai tanti che stanno esprimendo il proprio cordoglio con un “Ciao Berna”.

Tags

Articoli correlati

8 Commenti

  1. Ma come è possibile… Sono dispiaciutissimo… Ci mancherà il “Berna”. Mi dispiace davvero tanto. Un cordoglio sincero.

  2. Questo erano le previsioni valanghe per la Valtellina. Altra guida che ha seguito le indicazioni:
    Sono possibili diffusi distacchi di valanghe spontanee di medie e localmente di grandi dimensioni, già nel corso delle precipitazioni, di lastroni asciutti in quota e di neve bagnata, anche di fondo nei siti non ancora scaricati al di sotto dei 3000-3200 metri di quota. Nuovi e significativi lastroni in quota e valanghe di neve bagnata sono staccabili già con debole sovraccarico ed in alcuni casi anche a distanza.
    Per i prossimi giorni l’attività valanghiva spontanea si intensificherà in funzione alle nevicate e anche il distacco provocato sarà diffuso.

  3. Non ho letto commenti polemici, ma solo una citazione di bollettino valanghe.Poi resteranno alcuni misteri…e’ possibile che non ne fosse informato, che abbia voluto mettersi all prova incondizioni difficili.. ed altro ancora .forse lo sapremo o forse mai.Purtroppo è accaduto tante volte..nel corsodelle piu’ varie attività sportive , anche ai Fuoriclasse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close