Libri

La montagna in fumetti

Non solo i film e i libri raccontano il mondo della montagna e della natura: c’è anche il mondo del fumetto. Una modalità di narrazione fatta di parole e disegni, che a volte diventano vere e proprie tavole d’arte. Storie che a volte raccontano, come romanzi, vite e imprese, e che altre volte mettono sul foglio i vizi e le virtù dei montanari con lo scopo di strapparci una risata.

Ne abbiamo selezionati cinque, i nostri preferiti (sono tutti acquistabili online).

“La vetta degli Dei”, Jiro Taniguchi, Yumemakura Baku

Un fotografo giapponese ritrova in una impolverata bottega di Kathmandu una vecchia macchina fotografica: è  una Vest Pocket Autographic Kodak Special, il modello della macchina utilizzata da George Mallory e Andrew Irvine durante la famosa scalata all’Everest del 1924. Si tratta di un ritrovamento unico, che potrebbe cambiare la storia dell’alpinismo e svelare a distanza di 70 anni se fu quella la prima cordata ad arrivare per la prima volta nella storia sul Tetto del mondo.

Primo di cinque volumi, La vetta degli Dei è un intreccio articolato tenuto insieme dalla penna di Baku Yumemakura e dalla matita di Jiro Taniguchi, che riuscirà a conquistare anche i non amanti dei manga.

“Messner. La montagna, il vuoto, la fenice”, Michele Petrucci

Una biografia che racconta i momenti più importanti della vita di Reinhold Messner scritta in collaborazione con lo stesso alpinista e illustrata dai bellissimi acquarelli di Michele Petrucci.

Ad essere indagato il rapporto di Messner con la montagna, dalla prima scalata a cinque anni fino alla conquista di tutti i 14 ottomila metri della Terra, ma non solo: spazio anche alle traversate, alle spedizioni attraverso deserti e lande ghiacciate, seguendo le vie dei primi esploratori. Dalle ricerche sulla leggenda dello Yeti fino all’apertura dei musei della montagna.

“Ancora qui senza divertirci!”, Caio Comix

“Ancora qui senza divertirci!” è l’album di vignette, che segue il primo  “Siamo mica qui per divertirci!” (2008), di Caio Comix, all’anagrafe Claudio Getto. Anche in questa raccolta a essere messi sotto l’impietosa lente di ingrandimento sono i vizi, le manie e qualche virtù del popolo verticale.

Le risate non mancheranno, anche perché riconoscerete di certo un vostro amico di arrampicata e (spoiler) se non succederà, sappiate che quello preso in giro nella vignetta siete voi!

Per gli scialpinisti segnaliamo l’albo: “Anche le foche ridono”, imperdibile!

“Fuga da Buoux. Arrampicare rende liberi!”, Marco Preti, Marco Madoglio e Geremia Vinattieri  

Protagonista di questa storia è Luc Bodan, un climber serbo-francese famoso, alla fine degli anni ’80, per le sue salite su El Capitan. Dopo aver perso il treno del successo, sbarcato il lunario facendo la guida per i ricchi milionari sulla costa francese, si trova ora a scontare sette anni nella falesia circondariale di Buoux, accusato di omicidio. Luc, però, non resiste e vuole fuggire, decidendo di voler pagare qualsiasi prezzo pur di ottenere la libertà. Ma per essere liberi c’è una cifra da saldare che molte volte non è quella che immaginiamo. Fuga da Buoux, una storia di arrampicata a fumetti sulla ricerca di sé stessi, sul riscatto di uomini perduti e sulle conseguenze delle proprie azioni. Una storia di rocce, corde e magnesite: una storia di climber.

L’uomo montagna”, Séverine Gauthier e Amélie Fléchais

Un libro illustrato dedicato ai bambini. Una storia delicata e commovente, grazie anche ai bellissimi disegni, che permette ai più piccoli (ma non solo) di riflettere grazie alla metafora della montagna sul dirsi addio, sulla vita e la morte.

Vincitore del premio ITAS del Libro di Montagna 2018 come migliore opera narrativa per ragazzi, il libro narra di un bambino e il suo nonno amano viaggiare. Il nonno non è però più in grado di farlo, per via delle montagne che sono cresciute a dismisura sulle sue spalle. Per lui è giunto il momento di partire per l’ultimo viaggio. Il suo nipotino, che vorrebbe accompagnarlo ma è troppo piccolo per aiutarlo a portare quel peso, coglierà l’occasione per cercare un vento potentissimo, col quale potrà smuovere una volta per tutte le mastodontiche montagne. Il bambino va, il nonno promette di aspettarlo.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close