Foto

In Appennino una invasione di spettri di Brocken

In queste prime settimane del nuovo anno la neve stenta ancora a fare la sua comparsa sulle vette appenniniche. Aumentano, di contro, le suggestive apparizioni degli spettri di Brocken. Nell’ultima settimana hanno fatto la loro comparsa sui social molteplici immagini scattate da fortunati escursionisti, tra Marche, Toscana ed Emilia Romagna.

Il fenomeno ottico dello spettro di Brocken

Prima di gridare all’evento paranormale, ricordiamo che lo spettro di Brocken non sia altro che un fenomeno ottico, piuttosto raro. Noto anche come “gloria”, trattasi di fenomeno prodotto a quote elevate dalla luce che viene riflessa verso la sua fonte da una nuvola di piccole gocce d’acqua di dimensioni uniformi. Tale condizione determina la proiezione di un’ombra ingrandita dell’osservatore. Perché si realizzi è necessario che il sole sia basso, sulla superficie delle nubi che circondano la montagna su cui è posizionato l’osservatore.

Attorno al capo dello spettro si genera un alone, una sorta di corona fata di anelli concentrici colorati, che ricordano un arcobaleno. Le cui dimensioni possono variare in funzione delle condizioni atmosferiche e della posizione dell’osservatore.

Una invasione di spettri sui Monti Sibillini

A dare spettacolo nella scorsa settimana sono stati soprattutto i Monti Sibillini, in territorio marchigiano. Molteplici gli escursionisti che si sono fermati ad ammirare la propria ombra, è proprio il caso di dirlo.

Come Luca Tambella, che ha immortalato uno spettro durante una escursione su Pizzo Meta e Monte Ragnolo. “Quando una semplice passeggiata di un sabato mattina si trasforma in un insolita esperienza fantastica, le nebbie che rapidamente salivano verso la montagna mi hanno permesso di ammirare ed immortalare questo particolare fenomeno ottico”, ha commentato il fortunato fotoamatore di Macerata.

O i ragazzi del gruppo “Con in faccia un po’ di Sole”. “Siamo stati avvolti da una fitta nebbia, siamo stati riscaldati dall’ottima polenta e vino rosso del Centro Fondo e Snowkite Monte Ragnolo e… siamo stati sorpresi dallo spettro di Brocken!”, si legge sulla loro pagina Facebook.

Anche sul Monte Vettore due fortunati escursionisti hanno assistito all’apparizione dello spettro. Domenica scorsa Federico Papi e Giovanni Mattei hanno deciso di incamminarsi vero i 2.476 metri della vetta più alta dei Sibillini. Durante la discesa verso Forca di Presta, ecco che si sono ritrovati in compagnia dello spettro di Brocken. “Erano le 16,25, quasi al tramonto, quando ci siamo girati verso il versante sud e abbiamo notato questa nebbia che era salita, – ha raccontato Papi al quotidiano Cronache Maceratesiincredibile riuscire così a fotografare lo spettro di Brocken, che per noi che coltiviamo questa passione è sicuramente una cosa indimenticabile”.

Spettri tra Toscana e Emilia Romagna

Spostandoci un attimo verso Ovest, ritroviamo altre due apparizioni. Una sul Monte Ventasso, sull’Appennino tosco-emiliano, in provincia di Reggio Emilia, immortalata da Sara Gazzetta.

L’altra sul monte Capanne, la vetta più alta dell’isola d’Elba. A catturare lo spettro in questo caso è stato Alessio Gambini che si è detto emozionato e commosso. “Grazie montagna per avermi regalato questo.
Una strana apparizione ha occasionalmente spaventato gli scalatori sul Brocken: una torreggiante figura ombrosa si profila minacciosa nella foschia, con la testa circondata da anelli con i colori dell’arcobaleno”, ha commentato sulla sua pagina Facebook, allegando anche un suggestivo video.

Tags

Articoli correlati

Un commento

  1. Ancora con questa storia… Non è affatto un fenomeno raro, e non è vero che il sole dev’essere basso. Importante è che ci sia nebbia/nuvole in direzione ad esso opposta, tutto qui: il sole può anche essere in alto se le nuvole sono affossate in basso, il fenomeno si verificherà comunque. Dall’aereo ad esempio è un fenomeno comune anche col sole altissimo in cielo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close