Cronaca

Bloccati sul ghiaccio senza ramponi. Il gestore del Rifugio Jervis: “Importante distinguere tra escursionismo estivo e invernale”

Il ghiaccio risulta essere uno degli elementi più sottostimati e di maggior rischio di questo mite inverno. Dagli Appennini alle Alpi, nonostante in più punti sia presente uno scarso innevamento, è l’eccessiva confidenza nel poter affrontare sentieri senza ramponi che porta a incidenti evitabili, spesso a quote e su pendii non estremi. Non parliamo di alpinismo ma di escursionismo. Attività, come ha tenuto a sottolineare il gestore del Rifugio Jervis sopra Bobbio Pellice (TO), da distinguersi in invernale e estivo. Uno sfogo, quello di Roby Boulard, finalizzato a richiedere maggiore attenzione ma soprattutto una corretta informazione nel mondo della montagna.

Troppi gli interventi del soccorso alpino che, in queste settimane, si è trovato impegnato a recuperare escursionisti privi della idonea attrezzatura lungo il percorso di avvicinamento alla struttura. L’ultimo risale a sabato 11 gennaio. Quattro escursionisti, bloccati dal ghiaccio sul sentiero verso il Jervis, hanno lanciato l’allarme, affermando di non poter né proseguire né tornare indietro. I soccorritori li hanno raggiunti in tarda serata, riaccompagnandoli poi a valle allestendo corde fisse e calate nei punti più pericolosi.

Informare chi si avvicina alla montagna

“Dopo l’ennesimo soccorso di ieri notte mi ritrovo costretto a cercare di ribadire la differenza fondamentale che esiste tra l’escursionismo estivo e quello invernale. Al momento le condizioni della salita al rifugio richiedono l’uso di ramponcini, chiarisce Boulard.

“Chi sale senza, non vince un premio. E visto che un paio di ramponcini da passeggio costano 10/15 euro, non sarebbe male comprarli. Considerando anche che un soccorso come minimo alla comunità costa intorno ai 3.000€, oltre le spese ospedaliere molto più care ancora.

La passione per la montagna non giustifica il correre rischi inutili. Soprattutto quando poi, in caso di problemi dobbiamo far intervenire il mondo intero e magari anche di notte. Decidere di partire in un’escursione notturna senza l’adeguata attrezzatura e senza la conoscenza di dove si sta andando è una cavolata al pari dell’uscire ubriachi dalla discoteca e salire in macchina guidando.

Chiedo a tutti quanti di condividere queste mie riflessioni non perché credo di aver scritto un trattato di scienza cosmica ma semplicemente per evitare che, continuando cosi, una qualsiasi prefettura si senta prima o poi in dovere di vietare l’accesso invernale ai rifugi. Privandoci della possibilità di fare una bella gita in compagnia di amici, con una bella mangiata in rifugio, e togliendo a noi operatori del settore una possibilità di lavoro.

Sono convinto che chi si trova in una situazione di difficoltà non lo fa certamente per fare incavolare il sottoscritto o i vari soccorritori ma semplicemente perché ignora le conseguenze di un banale imprevisto. Non è necessario essere all’Everest per morire di ipotermia, è sufficiente essere bloccati sul sentiero del rifugio Jervis in inverno mal equipaggiati.

Sarei molto grato se i vari alpinisti e sapienti del settore compresi i ‘professionisti come me’ si astenessero dai soliti giudizi campati in aria e invece provassero a dare una mano ad informare chi si avvicina alla montagna. Grazie e buona montagna a tutti quanti”.

Tags

Articoli correlati

6 Commenti

  1. Ottima valutazione e soprattutto ottima richiesta finale,meglio cose costruttive,non
    Sentenze dette da sputasentenze che non aspettano altro.

  2. Un modo sarebbe fare come le gomme estive
    Invernali:da una certa data obbligo attrezzature per inverno in base al percorso, cioè ramponi o artva se su percorsi neve…(di certo tipo)
    Ovviamente cum grano salis.un avviso ai parcheggi.un controllo durante le escursioni
    Da chi di dovere,e se serve la famosa multa

  3. Condivido in pieno, basta veramente poco per partire preparati, ma quante volte i compagni di escursione ti prendono in giro perché hai “lo zaino pieno di cose inutili”?!?!?

  4. Vorrei solo aggiungere che i ramponcini devono essere di quelli con le punte ben pronuciate e non quelli da pochi euro da passeggio fatti con i puntalini metallici. Inoltre va ribadito che i ramponcini si utilizzano solo su sentieri facili e poco pendenti, per sentieri più ripidi, rocciosi o cumunque quando il ghiaccio è molto presente e costante sul percorso la migliore combinazione resta sempre quella dei ramponi e picozza… e tanto buon senso.

    1. Concordo e aggiungo che, quando si indossano i ramponcini, è opportuno verificare di frequente che non si formi sotto lo “zoccolo di neve”. Se no il rischio di scivolare è elevato

      I ramponi veri e propri, invece, sono in genere provvisti di sistemi adatti a prevenire la possibilità che vi si attacchi la neve

  5. Quando ero piccola,i primi passi in Dolomiti li mossi facendomi letteralmente consigliare dal calzolaio del paese,le prime pedule :)…così fu anche x l’imbrago da ferrata, i ramponi e via via. Sempre ho fatto riferimento a chi in montagna ci vive davvero. Oggi c’è una fetta consistente di escursionisti che acquista l’attrezzatura (spesso in autonomia) in grandi centri, ove il rapporto qualità-prezzo è cavallo di battaglia assai noto. Questi, ogni giorno, danno la possibilità a molte persone di avvicinarsi a un mondo meraviglioso. E hanno davvero una gran presa (volutamente non faccio nomi). Forse proprio questi potrebbero sfruttare il loro forte impatto e la loro influenza per organizzare campagne informative a tappeto. Oltre a quanto già viene fatto,il potere dei media in questo caso potrebbe essere di grande aiuto al fine di diffondere una cultura della montagna basata sulla sicurezza e sul rispetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close