• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Arrampicata

Coppa del Mondo Lead, una grande vittoria a Kranj – Adam Ondra Road to Tokyo

L’appuntamento numero 34 di “Adam Ondra Road to Tokyo” non poteva che essere dedicato all’oro conquistato dal campione ceco nella sfida di Coppa del Mondo Lead 2019, disputata a Kranj, in Slovenia, il 28 e 29 settembre.

Una gara che ha fatto dimenticare ad Ondra le lacrime amare di Hachioji, a seguito del  fallimento nella Combinata olimpica che gli ha impedito di qualificarsi in maniera diretta alle Olimpiadi di Tokyo 2020.

Coppa del Mondo Lead a Kranj, una lunga tradizione

Kranj, come afferma Adam in apertura di video, ospita da ormai 20 anni la Coppa del Mondo Lead. Lui stesso vi ha preso parte più volte, iniziando nella categoria “giovani”. Le immagini del 2009, in cui solleva la sua coppa, fanno davvero tenerezza. Nel 2014 e 2015 lo ritroviamo più cresciuto ma sempre con il medesimo entusiasmo, ancora una volta sul gradino più alto del podio.

Kranj 2019

Adam si posiziona primo alle qualifiche, primo alle semifinali. Il risultato delle finali appare quasi scontato, tanto smagliante è la sua forma quest’anno. E difatti la sua salita in parete risulta perfetta, di fronte al pubblico in delirio.

Sul podio, accanto a lui, saliranno il giapponese Kai Harada (argento) e lo spagnolo Alberto Gines Lopez (bronzo).

La vittoria di Adam, nella sua terra, è da considerarsi essenziale per i giovani climbers che hanno bisogno di idoli, come dichiara Tomo Cesen, celebre climber e alpinista sloveno. Ondra è di fatto un idolo e le sue vittorie diventano, in un certo senso, vittorie collettive. Adam piace per la sua disponibilità. È un idolo con cui poter parlare.

Lunedì. Dopo le gare si punta alla roccia

Lunedì mattina, all’indomani delle gare, è tempo per un porridge di primo mattino e una fuga outdoor per arrampicare su roccia. La tappa prescelta è Niemandsland, un’area di arrampicata nella valle austriaca dell’Hollental.

L’idea di Adam è di tentare la salita a vista della via Blut und Honig (8c+). Un successo anche questo, portato a compimento in 3 ore e reso possibile, a detta di Adam in un exploit di modestia, dalle ottime condizioni del vento che gli hanno impedito di cadere.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.