• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Medicina, Primo Piano

Vittime da valanga, uno studio definisce i i criteri per valutare le possibilità di sopravvivenza

valangaFoto @ CNSAS Alto Adige

Uno studio internazionale condotto da Eurac Research, pubblicato dalla rivista specialistica Resuscitation edita dal Consiglio europeo per la rianimazione, si è posta come obiettivo la definizione di criteri per valutare correttamente le possibilità di sopravvivenza delle vittime di valanga.

Coloro che vengono travolti da una valanga e che raggiungono l’ospedale in stato di ipotermia e in arresto cardiovascolare mettono i medici davanti a una valutazione difficile: il paziente è morto per asfissia o c’è una possibilità che sopravviva se la sua temperatura corporea aumenta? Una corretta valutazione iniziale è di grande importanza perché fa sì che chi ha una chance di farcela venga sottoposto al trattamento e, al tempo stesso, impedisce che risorse mediche preziose vengano investite in casi senza speranza. Gli esperti di medicina d’emergenza di Eurac Research, insieme a colleghi europei e statunitensi, hanno sviluppato nuovi parametri di riferimento legati a temperatura corporea e concentrazione di potassio nel siero del sangue in modo da fornire una guida affidabile per le decisioni di ricovero ospedaliero. Lo studio ha analizzato i dati di 103 vittime di valanga che sono state ricoverate in stato di arresto cardiovascolare in sette grandi ospedali in Europa tra il 1995 e il 2016.

Delle 103 vittime, 61 sono state riscaldate, ma solo il 10 per cento è sopravvissuto. Negli altri casi non è stata l’ipotermia a causare l’arresto circolatorio, ma il soffocamento dovuto alla valanga o un trauma. Proprio perché il riscaldamento permette di salvare solo una piccola parte di pazienti, ma è molto costoso in termini di personale e tecnologia, sono necessari criteri di selezione severi e affidabili. Dalla ricerca emerge come i fattori decisivi per la sopravvivenza siano temperatura corporea e concentrazione di potassio nel siero del sangue, quest’ultima è correlata alla decomposizione cellulare. Per entrambi i parametri, i medici hanno determinato il valore che distingue i casi potenzialmente recuperabili da quelli senza speranza. Per la temperatura corporea 30 gradi sono la soglia: nessuna vittima di valanga con arresto cardiovascolare la cui temperatura sia sotto i 30 gradi è stata mai riscaldata con successo; il potassio sierico, invece, non deve superare i 7 mmol/litro.

I ricercatori sono stati in grado di ottenere stime affidabili, nonostante il numero limitato di casi, grazie a un nuovo metodo statistico sviluppato da Eurac Research e utilizzato per la prima volta in questo studio. Questo metodo apre nuove possibilità per altri studi con un campione ridotto.

Articolo precedenteArticolo successivo

2 Comments

  1. “il paziente è morto per asfissia o c’è una possibilità che sopravviva se la sua temperatura corporea aumenta? “.E’ morto o non è morto? ..e, al tempo stesso, impedisce che risorse mediche preziose vengano investite in casi senza speranza.” Metodo infallibile o eutanasia preventiva? Mah!

  2. “Wow”, che “bello” affidarsi alle statistiche quando c’è in ballo la vita di un essere umano. BAH!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.