• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Top News

Nessuna speranza per David Lama, Hansjörg Auer e Jess Roskelley

David Lama, Hansiörg Auer e Jess Roskelley, alpinismo, canada

Una terribile notizia arriva dalle Montagne Rocciose canadesi. David Lama, Hansjörg Auer e Jess Roskelley sono stati travolti da una valanga mentre tentavano una via nuova sullo Howse Peak (3295 metri), nel Parco nazionale di Banff.

Secondo Steve Holezki, responsabile della sicurezza di Parks Canada, l’ente che gestisce le aree protette del paese, i tre alpinisti sono certamente morti, ma l’alto rischio di nuove valanghe impedisce di recuperarne i corpi.

Hansjörg e David erano in Canada da qualche giorno, il 10 aprile avevano salito insieme a Jeff Andromeda Strain, una via di grande difficoltà. “Un’arrampicata di straordinaria bellezza, prima del buio eravamo già tornati alla base, che introduzione alle Canadian Rockies!” ha scritto David Lama sul suo account Twitter.

Martedì sera (l’alba di mercoledì in Europa) John Roskelley, il padre di Jeff, straordinario personaggio dell’alpinismo USA, aspettava una telefonata dal figlio dopo il tentativo allo Howse Peak. La telefonata non è arrivata, Roskelley padre ha inviato nella zona un elicottero del Soccorso Alpino. Dal velivolo sono stati avvistati tracce di numerose valanghe, resti di materiale da montagna e un corpo parzialmente sepolto. Poi è arrivato il comunicato ufficiale di Parks Canada.

David Lama e Hansjörg Auer, amici, compagni di cordata e rivali, entrambi austriaci, erano da tempo tra i migliori alpinisti del mondo. Hansjörg, 35 anni, è diventato famoso nel 2007 con la prima in free solo di Attraverso il Pesce sulla parete Sud della Marmolada. David, 28 anni, di padre nepalese, ha salito in libera nel 2012 la Via del Compressore sul Cerro Torre.
Jeff Roskelley, 36 anni, è diventato famoso nel 2003 raggiungendo la vetta dell’Everest insieme al padre John. Da allora ha compiuto molte grandi salite in Alaska, a iniziare dalla cresta Sud integrale del Mount Huntington.

Ho avuto appena parlato con il personale del Soccorso e con Parks Canada” ha scritto John Roskelley qualche ora fa. “Si presume che Jess, David e Hansjorg siano morti. Vi dico, con il cuore pesante, che sono stati colpiti da una grande valanga sul Mount Howse a un’ora imprecisata di martedì, ci sono visibili indizi della loro morte. Grazie a tutti per le vostre preghiere e i vostri pensieri”.

Articolo precedenteArticolo successivo

6 Comments

  1. Un’annata nefasta per l’alpinismo, troppi ragazzi che non torneranno più a casa. Speriamo che nessuno ora dia inizio a squallidi teatrini (“hanno rischiato troppo”, “a volte meglio rinunciare”, “bisogna capire i propri limiti”, …), silenzio e rispetto per i morti. RIP

  2. Grandi alpinisti che hanno saputo mettere in primo piano l’amicizia e la montagna cercando di lasciare da parte alcuni lati spigolosi del proprio carattere…che dispiacere…

  3. Dispiace , ma verranno presto dimenticati dai media come tanti altri campioni del recente passato,invece ci si continua a dividere ed arrovellare sul Cerro Torre di Maestri.Strano..incomprensibile accanimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.