• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Ice climbing, News, Rubriche, Sicurezza in montagna

Cascate di ghiaccio: un piccolo vademecum

Cascate di ghiaccio, UVGAM, Cogne, Soccorso Alpino, Guide Alpine, ghiacciatoriFoto Enrico Turnaturi

Dopo i numerosi interventi degli scorsi giorni, che hanno visto il Soccorso Alpino Valdostano impegnato sulle cascate di ghiaccio nella Valle di Cogne, l’Unione Valdostana Guide Alta Montagna (UVGAM) e la Società delle Guide alpine di Cogne hanno stilato e pubblicato sul proprio canale social alcuni suggerimenti di comportamento per gli avventori.

Le buone condizioni delle cascate, grazie alle basse temperature, invogliano gli appassionati a cimentarsi sulle effimere verticalità che han reso celebre Cogne. L’assenza o la comunque poca neve rendono inoltre più sicuro cimentarsi sul ghiaccio in quanto, solitamente, sono proprio le valanghe una delle maggiori cause di incidenti per i ghiacciatori. Assenza di neve che però comporta anche qualche problema di orientamento per i meno avvezzi a questo mondo. Solitamente, una volta arrivati in cima alla cascata, si incontra un traccione di neve che conduce verso la via di discesa. In assenza di neve invece, una volta in cima, molti incorrono nel rischio di perdersi, soprattutto se si arriva nelle tarde ore del pomeriggio quando già la luce inizia a scarseggiare. Lasciamo però che a “parlare” siano i professionisti di questo settore.

Tutti i ghiacciatori e ice-climbers che desiderano affrontare l’ascensione di una cascata di ghiaccio dovrebbero seguire una serie di regole:

  1. Programmare una salita adatta alle capacità della cordata.
  2. Pianificare in anticipo un’ascensione alternativa nel caso la via scelta in prima battuta fosse già affollata (piano B ).
  3. Acquisire tutte le informazioni necessarie per la salita: topoguide, carte topografiche, relazioni, report recenti, ecc.
  4. Informarsi presso le Guide alpine locali.
  5. Affrontare la discesa in tempi utili, per avere sufficiente visibilità e non dimenticare la pila frontale in fondo allo zaino.
  6. Possedere una buona esperienza di movimentazione su terreno alpinistico classico: l’arrampicata su ghiaccio non è la trasposizione invernale dell’arrampicata sportiva su roccia.
  7. Sarebbe buona norma lasciare indicazioni sulla destinazione scelta agli operatori turistici di Cogne presso i quali si soggiorna.
  8. Gli operatori turistici possono contattare le Guide alpine di Cogne per fornire informazioni sulla scelta dell’itinerario di salita.
  9. In caso di problemi, emergenza o soccorso chiamare il numero di emergenza 112, dando sempre indicazioni precise, luogo, altezza, condizioni fisiche, condizioni meteo e tutte le informazioni che verranno richieste.
  10. Se in possesso di radio richiedere l’intervento attraverso il Canale Emergenza frequenza 161.300 MHz.
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.