• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Politica, Primo Piano

Doppia cittadinanza agli altoatesini: i primi dettagli

doppia cittadinanza, Alto Adige, politica, attualità

Risale allo scorso dicembre la proposta, da parte del cancelliere austriaco Sebastian Kurtz, di dare la doppia cittadinanza italo-austriaca agli altoatesini di lingua tedesca e ladina. I separatisti tirolesi continuano a sostenere il progetto, ma in molti, tra cui anche Reinhold Messner, si sono espressi in questi mesi contro il nuovo provvedimento.

Per mesi la fattibilità della concessione di un doppio passaporto è stato al vaglio degli esperti. La preoccupazione dei più è che gran parte della popolazione altoatesina possa sentirsi discriminata da questa proposta che, nel caso diventasse legge, potrebbe causare dei contrasti all’interno delle comunità locali, a fronte dei limitati benefici che garantirebbe al ristretto numero di interessati.

Le prime voci secondo le quali la commissione di esperti viennese avesse già raggiunto un parere sono state smentite. Un avvio delle trattative prima delle elezioni provinciali di Trento il prossimo 21 ottobre non è probabile. Quello che si sa per ora è che il costo della domanda per i cittadini altoatesini sarà tra i 600 e i 700 euro. La nuova cittadinanza garantirà loro l’accesso al pubblico impiego e ad alcune prestazioni sociali. Queste informazioni fanno parte di una bozza preliminare, che servirà da base per le trattative con Roma sulla doppia cittadinanza. 

Il prossimo 14 settembre è in programma una visita in Alto Adige per Sebastian Kurtz, in cui il rappresentante austriaco incontrerà il presidente della regione Arno Kompatscher per discutere apertamente della misura. “Il parere della commissione di esperti di Vienna è solo una base di discussione – ha ribadito all’ANSA il rappresentante altoatesino – I tempi sono comunque lunghi“.

Articolo precedenteArticolo successivo

9 Comments

  1. La doppia cittadinanza agli altoatesini non mi fa ne caldo ne freddo ma l’Austria dia la sua parte di soldi allora, non che le agevolazioni agli altoatesini siano solo a carico nostro

  2. Credo che per essere Italia il sud Tirolo abbia richiesto il sacrificio e la morte di tanti,tanti Alpini provenienti da tutta Italia.. questo non deve mai essere dimenticato né messo in discussione…

    1. Peccato che i suoi abitanti non sono mai stati italiani prima del 1918…Dopo la prima guerra mondiale sono divuti diventarlo: e con il fascismo cambiare lingua, cambiare nome, rinunciare alla loro identità. Hai mai provato a metterti nei loro panni? Se fosse successo a te?

      1. Studia meglio la storia, non limitarti a ripetere quello che hai sentito come un pappagallo.
        Mettiti nei panni degli italiani che hanno subito la dominazione tedesca per secoli

  3. Paghino le tasse con lo stesso regime fiscale che si adotta in tutti il resto del paese..altro che doppio passaporto..

  4. Propongo di vendere direttamente una parte di territorio all’Austria, Popolazione inclusa, così ripianiamo anche un po’ di debito pubblico…

  5. Potrebbe anche essere ma allora l’Alto Adige divenga una regione come le altre con lo stesso regime fiscale basta con i previlegi

    1. Non devi vedere solo un lato, guarda anche il lato delle competenze e a chi li sostiene.
      Nella tua provincia/regione chi paga – solo alcuni esempi – la sanità, l’istruzione, il mantenimento delle strade, il tribunale, il catasto/tavolare?

      Rimane comunque aperta la domanda, alpinismo o politica?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.